A- A+
Esteri
Slovacchia, passa la riforma Fico: il Parlamento chiude radio e tv pubblica
Robert Fico Presidente del Governo della Repubblica Slovacca

Slovacchia, passa la riforma voluta dal governo Fico: il Parlamento chiude radio e tv pubblica

Il Parlamento slovacco ha approvato la liquidazione della radio e tv pubblica Rtvs, dando il via libera alla contestata riforma voluta dal governo Fico. Ora la palla è nelle mani del presidente, Peter Pellegrini: con molta probabilità il capo di Stato la firmerà la legge entrerà in vigore dal 1 luglio, portando l'emittente pubblica sotto un maggiore controllo della politica. Uno scenario che ha già suscitato allarmi per la libertà di stampa sia da parte della Commissione europea che delle Ong per i diritti come Reporter senza frontiere. Il governo populista di sinistra di Robert Fico sta spingendo per rimodellare le istituzioni e la politica slovacca con interventi rivolti ai pubblici ministeri e alla polizia, fino all'ambiente e alle Ong.

LEGGI ANCHE: Ue, "regalino" di von der Leyen a Meloni: stop al report su libertà di stampa

La nuova legislazione cambierà il modo in cui viene scelto il consiglio di sorveglianza di Rtvs, che il governo ha accusato di essere parziale e di ignorare le opinioni al di fuori di ciò che definisce mainstream. I lavoratori di Rtvs - che dopo la riforma si chiamerà Stvr - insieme all'opposizione, ad alcuni osservatori dell'Ue e ai gruppi di difesa dei media, temono che i cambiamenti danneggeranno l'indipendenza dell'informazione e inibiranno le critiche del governo.

"Il disegno di legge ha l'obiettivo di rafforzare il carattere di diritto pubblico dell'emittente televisiva e di garantire il rispetto della pluralità e dei principi della democrazia", ha garantito ai parlamentari la ministra della Cultura, Martina Simkovicova. I partiti dell'opposizione hanno lasciato il Parlamento prima del voto sul disegno di legge, sostenuto da 78 parlamentari della maggioranza di governo. La legge entrerà in vigore a partire dal 1 luglio una volta firmata dal presidente che oggi ha dichiarato non si farà influenzare da proteste e manifestazioni e firmerà la legge solo se "non è in conflitto con la Costituzione e se permetterà ai giornalisti di lavorare liberamente".

La riforma prevede la sostituzione del direttore dell'emittente pubblica prima della scadenza del suo mandato. Un consiglio composto da nove membri, nominati dal ministro della Cultura e dal Parlamento, sarà responsabile di ricoprire la carica. Il direttore di Rtvs, Lubos Machaj, ha parlato di "giorno nero" per la radiodiffusione pubblica e i media in Slovacchia. Michal Simecka, leader del più grande partito di opposizione, Slovacchia Progressista, ha definito la legge "vergognosa" e ha promesso che la impugnerà davanti alla Corte Costituzionale.






in evidenza
Matteo Berrettini is back, che balzo in classifica Atp: oltre 30 posizioni

Così è rinato il tennista azzurro

Matteo Berrettini is back, che balzo in classifica Atp: oltre 30 posizioni


in vetrina
Un racconto sulle assurdità del nazismo: la recensione di Ferrovie del Messico

Un racconto sulle assurdità del nazismo: la recensione di Ferrovie del Messico


motori
Luca de Meo CEO Renault: "serve flessibilità per la transizione ai veicoli elettrici"

Luca de Meo CEO Renault: "serve flessibilità per la transizione ai veicoli elettrici"

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.