A- A+
Esteri
Svezia, rogo del Corano davanti al Parlamento: si pensa al divieto dei raduni
Brucia il Corano

Svezia, bruciate delle pagine del Corano davanti al Parlamento: cresce la paura di attacchi islamici anche in Danimarca

Una copia del Corano è stata bruciata davanti al Parlamento svedese, in quello che è l'ultimo - in ordine di tempo - di una serie di roghi del libro sacro per i musulmani nel Paese scandinavo. Lo riportano i media locali, precisando che gli autori del rogo - autorizzato dalla polizia - sono due persone di origine irachena, Salwan Momika e Salwan Najem. Gli episodi con al centro il Corano, oltre a scatenare le proteste del mondo musulmano, hanno portato l'intelligence svedese a indicare un aumento del rischio di attacchi islamisti nel Paese.

LEGGI ANCHE: Niger, due italiani bloccati in albergo. Tajani: "Lavoriamo a una soluzione"

Alla luce di ciò, Svezia e Danimarca potrebbero decidere di vietare i roghi del Corano. Il primo ministro svedese Ulf Kristersson e quello danese Mette Frederiksen stanno valutando se il bando di questo tipo di “azioni dimostrative” sia compatibile con la libertà di espressione sancita nelle costituzioni dei loro Paesi.

LEGGI ANCHE: Usa 2024, DeSantis più estremo di Trump: "La schiavitù aveva lati positivi"

"Siamo nella situazione di sicurezza più grave dalla Seconda Guerra Mondiale e sappiamo che sia gli stati, che gli individui possono trarre vantaggio da questa situazione", ha scritto Kristersson su Instagram. In precedenza, il governo danese aveva annunciato che avrebbe preso in considerazione provvedimenti legali per vietare i roghi del Corano davanti alle ambasciate straniere.

Le religioni possono essere criticate, ha affermato il ministro degli Esteri danese Lars Løkke Rasmussen. "Ma - ha aggiunto - se ti trovi di fronte a un'ambasciata straniera e bruci un Corano o davanti all'ambasciata israeliana bruci la Torah, metti in pericolo la sicurezza collettiva del paese".

Iscriviti alla newsletter
Tags:
coranoislamsvezia





in evidenza
Il "comizio" di Vittorio Sgarbi a Tricase (Lecce)

Affari va in rete

Il "comizio" di Vittorio Sgarbi a Tricase (Lecce)


in vetrina
La voce di Robert De Niro nello spot elettorale di Biden: "Trump è un dittatore, vuole vendetta". VIDEO

La voce di Robert De Niro nello spot elettorale di Biden: "Trump è un dittatore, vuole vendetta". VIDEO


motori
Nuovi incentivi auto: opportunità per l'Italia e l'industria automotive

Nuovi incentivi auto: opportunità per l'Italia e l'industria automotive

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.