A- A+
Esteri
Trump: problema psicologico o politico?

 

La campagna presidenziale americana è stata atipica da spingere alcuni a volere psicanalizzare Donald Trump per  le sue dichiarazioni e comportamenti poco rassicuranti. Cattiva idea, secondo Maria Oquendo, presidente della American Psychiatric Association (APA) considerando l'idea “anti-etica” e "irresponsabile”. In effetti, Oquendo non fa altro che reiterare la direttiva della APA e avvertire i membri a sfuggire alla tentazione di fare pronunciamenti psichiatrici su Trump data l’incapacità di psicoanalizzare pazienti a distanza.

L’avvertimento professionale si rifà alla “Goldwater Rule”, la regola emersa nel 1964  con l’analisi di Barry Goldwater, allora candidato presidenziale del Partito Repubblicano. Preoccupati da alcune dichiarazioni considerate pericolose per la sicurezza del mondo la rivista Fact  pubblicò  un articolo sullo stato mentale di Goldwater. Nel testo furono inclusi i risultati di un sondaggio mandato a 12 mila psichiatri per diagnosticarlo. Non tutti risposero ma le 2400 analisi ricevute convinsero la rivista a dichiarare Goldwater psicologicamente inadatto a divenire presidente. Goldwater denunciò la rivista per diffamazione e vinse la causa e Fact Magazine dovette pagare una multa di 75 mila dollari.

Goldwater, come si sa, perse l'elezione ma anche la professione dei psichiatri perse di prestigio con la sconfitta della rivista.  Facile dunque capire la presa di posizione della APA. Ciononostante, la APA non à contraria all’analisi generale di alcune malattie senza però applicarle a individui specifici considerando pericolosa la diagnosi a distanza basata su dichiarazioni fatte in televisione o altre informazioni ottenute in modo impersonale senza contatto diretto con il paziente.

Non tutti gli esperti di psichiatria e psicologia hanno obbedito la direttiva della APA. Parecchi esperti hanno dichiarato che Trump soffre del fenomeno di narcisismo.  Jeffrey Flier, ex decano della Facoltà di Medicina alla Harvard University è uno di questi e in un tweet ha detto che Trump non solo soffre di “narcisismo ma lo incarna”. Un altro professore della Northwestern University ha scritto una valutazione psicologica di 9 mila parole confermando il narcisismo. Il professor Kevin Dutton della Oxford Univesity ha anche lui dichiarato che in una scala di psicopatia Trump oltrepassa Hitler. Il dottor John Gartner, psicoterapista che ha insegnato alla John Hopkins University, vede Trump come pericolosissimo, considerandolo "paranoico, psicopatico, narcisista, divorziato dalla realtà che si scaglia impulsivamente contro i suoi nemici immaginari". Gartner ha parole poco dolci anche per i suoi colleghi che rifiutano di pronunciarsi asserendo che la "storia non li giudicherà benevolmente per il loro silenzio". Altri tre notissimi professori di psichiatria hanno scritto all'Huffington Post che a Trump manca la capacità di distinguere "fra realtà e fantasia" suggerendo che il presidente dovrebbe sottomettersi a una completa analisi  neuropsichiatrica con medici indipendenti. Questi tipi di analisi sono necessarie per poliziotti, agenti di FBI ed altri individui addetti all'intelligence ma non per un presidente che ha molte più responsabilità specialmente considerando i codici per le armi nucleari.

Trump non accetterebbe mai tale proposta. Infatti, si sa pochissimo anche sulla sua salute fisica. Le sommarie informazioni sulla sua salute sono venute a galla da un certificato del suo medico durante la campagna che asseriva  "l'ottima salute" di Trump senza però dare dettagli. Qualche altra informazione è venuta a galla più tardi in uno show televisivo in cui si è scoperto che sta benissimo ma che prende statine per abbassare il colesterolo.

La storia ci dice che altri candidati e presidenti prima di Trump hanno sofferto di malattie psichiche. Thomas Eagleton, candidato alla vicepresidenza con George McGovern nel 1972, si dimise quando si sparse la notizia che era stato ricoverato in un ospedale per depressione. Anche nel caso di Mike Dukakis e George Bush padre si erano sparse voci che avessero avuto disturbi mentali. Più indietro nella storia si crede che Abraham Lincoln avesse sofferto di depressione e che Theodore Roosevelt probabilmente avesse sofferto di bipolarismo. Secondo uno studio parecchi altri presidenti avevano anche sofferto di depressione. Ciononostante non gli impedirono di svolgere le loro funzioni di presidente. Il  caso di Trump però è diverso per la presenza delle armi nucleari che potrebbero causare un disastro globale.

Pochi psichiatri si sono pronunciati a favore di Trump dichiarandolo adatto alla presidenza. Spicca dunque la posizione  del dottor Allen Frances, esperto del fenomeno di narcisismo, il quale ha inviato una lettera al New York Times sostenendo che Trump non rientra nella definizione della personalità narcisista. Anche se Trump fosse narcisista, ha continuato Frances, ciò non lo rende "malato di mente" perché egli non soffre dallo stress richiesto "per diagnosticare un disturbo mentale" ma fa invece soffrire gli altri. Per affrontare Trump, secondo Frances, bisogna concentrarsi sulla sua "ignoranza, incompetenza, impulsività e le sue tendenze dittatoriali". La riposta per Frances non si trova nella psicologia ma nella politica. Speriamo abbia ragione.

Domenico Maceri, PhD, University of California, scrive su politica americana. Alcuni dei suoi articoli hanno vinto premi della National Association of Hispanic Publications.

Tags:
donald trump
in evidenza
Paola Ferrari in gol, sulla barca "Niente filtri". Che bomba, foto

Sport

Paola Ferrari in gol, sulla barca
"Niente filtri". Che bomba, foto

i più visti
in vetrina
SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico

SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico


casa, immobiliare
motori
Peugeot rinnova la gamma 508

Peugeot rinnova la gamma 508


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.