A- A+
Esteri
Trump, tradurre o interpretare Donald: ecco il dilemma

La presidenza di Donald Trump non sta causando solamente problemi a politici americani e leader di tutto il mondo, ma anche alla stampa internazionale ed in particolare ai giornalisti che devono tradurre le espressioni di Trump nelle rispettive lingue. E ció senza parlare dei poveri traduttori simultanei, come quelli all’Onu o alla Casa Bianca. L’italiano non é una lingua ufficiale dell’Onu ed i traduttori interpellati che hanno l’italiano come lingua passiva non se la sono sentiti di esprimere opinioni su Trump.

A detta di esperti, Trump ha un vocabolario di 77 parole con tendenza a ripetere ogni parola due o tre volte. Ció lo equiparrebbe al livello di uno studente della quarta elementare. Sempre secondo gli esperti, il vocabolario medio di una persona con un pó di scolarizzazione é di 5.000 parole parlate e 8.000 scritte.
Seppure le parole di Trump non incantino i giornalisti e gli intellettuali, queste vengono apprezzate dai suoi elettori perché “spontanee e genuine”.

Questa “spontaneitá”, peró tende a perdersi nelle varie traduzioni, specialmente quando Trump esagera con i superlativi come “great” (ottimo), “tremendous” (tremendo), “fantastic” (fantastico), oppure aggettivi come “total loser” (un completo perdente), “dumb” (scemo)  “moron” (deficente) e “lowlife” (spregevole).

Trovare la traduzione non é difficile quando si tratta di parole singole; la difficoltá nasce quando bisogna tradurre frasi del tipo “China and Mexico are killing us”.
Alla lettera la frase diverrebbe “Cina e Messico ci stanno ammazzando”, ma per Trump il significato vero é che i due paesi stanno creando difficoltá all’America.

L’uso di “tremendous” é anche problematico perché in italiano significa “terribile” e in inglese “fantastico”, quindi quando Trump afferma che “will be tremendous”, non significa che sará terribile, ma l’opposto, cioé fantastico.
Poi, come tradurre il piú famoso slogan trumpiano, “Make America Great Again”? Letteralmente sarebbe “Fare l’America di nuovo grande”, ma la logica direbbe: “Rendere l’America di nuovo fantastica”.
Altre espressioni di Trump: “no nothing” (niente di niente), “it bombed” (che non vuol dire distrutto da bombe, bensí che ha fallito) e “bad dudes” (tipi cattivi o malviventi, ma per Trump indica “inaffidabili”).
C’é poi il rischio che il giornalista possa “ripulire” le frasi rendendole meno rozze e quindi meno “autentiche”.

Tags:
trumpdonald trumplessico trumplessico donald trump
in evidenza
Peggior partenza dal 1961-62 Col Milan Allegri sbaglia i cambi

Disastro Juventus

Peggior partenza dal 1961-62
Col Milan Allegri sbaglia i cambi

i più visti
in vetrina
Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi

Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi


casa, immobiliare
motori
Ford: arriva la nuova Fiesta connessa ed elettrificata

Ford: arriva la nuova Fiesta connessa ed elettrificata


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.