A- A+
Esteri
Nuovo boom di fumatori in Turchia


Fumare come un turco — Il tabagismo dei turchi è proverbiale, una fama che probabilmente nasce tra la metà del 19° e i primi anni del 20° secolo, quando il tabacco proveniente dal Paese era considerato il migliore del mondo. Il logotipo qui a sinistra delle sigarette “Moslem” —una marca della tedesca Mahala-Problem Berliner Zigarettenfabriken del 1908—dà un’idea del posizionamento... Da tempo però i paesi per bene scoraggiano il vizio, e non poteva essere da meno la Turchia di Recep Tayyip Erdo ğ an, l’attuale Presidente . Fin dal 2008—quando Erdo ğ an era ancora Primo Ministro—è stato introdotto un rigido divieto al fumo nei locali pubblici simile a quelli in uso nell’ Europa Occidentale.

I risultati iniziali del divieto—che si applica anche ai luoghi pubblici all’aperto come gli stadi, i parchi e i giardini delle moschee—sono stati positivi. Tra il 2008 e il 2011 il consumo turco è sceso da circa 115 miliardi di sigarette all’anno a meno di cento miliardi. Da allora però, è tutto finito—come si dice in Occidente—“ a puttane”. Il consumo di tabacco dalla popolazione turca è arrivato l’anno scorso a 125 miliardi di sigarette. Il tasso di fumatori tra gli uomini adulti è salito dal 39% al 42% e tra le donne dal 12 al 13%. L’aumento più spettacolare è stato tra i giovanissimi: nella classe d’età che va dai 13 ai 15 anni compresi, l’uso delle sigarette è cresciuto del 51% rispetto alla serie storica 2003-2012.

Si sta preparando un’intera nuova generazione di consumatori che fumano, sì , come turchi. Secondo il Dott. Oguz Kilinc, un professore di medicina e componente del consiglio direttivo della Turkish Thorax Association , il rovesciamento della tendenza è dovuto a tre fattori: primo, la miseria economica generalizzata di larga parte della popolazione, seguita dalla mancanza di azioni per ridurre la presenza del tabacco sul mercato e poi dal l’inefficacia degli sforzi per ridurre la domanda. “La Turchia è il settimo paese al mondo per il consumo di tabacco”, ha detto Kilinc al giornale Al- Monitor , “Le sperequazioni del reddito, la mancanza di giustizia sociale e i problemi domestici sono i principali elementi. È lo stesso in tutto il mondo. Il consumo (del tabacco) è più alto tra i disoccupati e i disagiati. È la povertà a spingere l’aumento ”.

I dati internazionali confermano l’osservazione dell’esperto turco. Perfino negli Stati Uniti—il paese anti-fumo per eccellenza—tra il 1965 e il 1999 le famiglie ad alto reddito hanno diminuito l’uso del tabacco del 62% rispetto a un calo del solo 9% in quelle più povere. Inoltre, secondo il Prof. Keith Humphries, il Director of Mental Health Policy alla Stanford University: “Anche se è migliorato l’accesso dei poveri alle terapie per smettere di fumare... sono ancora molto indietro rispetto alla middle class ”. I pronunciamenti degli accademici sono un conto. Forse l’ha detto meglio il cantautore nazionale turco Neset Ertas, che ha sfidato Erdo ğ an sul lancio della campagna anti-fumo poco dopo la sua introduzione nel 2008: “I nostri poveri e diseredati sono già a terra , non riescono a pagare la bolletta né della luce né dell’acqua. Non hanno nemmeno pane e olive da mangiare. La sigaretta è l’unica cosa che gli resta. Lasciamogliela stare”.

Tags:
turchia
in evidenza
Rossella Fiamingo, regina della scherma e star social

Le foto da urlo della fidanzata di Greg Paltrinieri

Rossella Fiamingo, regina della scherma e star social


in vetrina
Automotive, da ALD arrivano nuove soluzioni di mobilità sostenibile

Automotive, da ALD arrivano nuove soluzioni di mobilità sostenibile


motori
DS Automobiles svela la nuova DS3

DS Automobiles svela la nuova DS3

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.