A- A+
Esteri
Nuovo boom di fumatori in Turchia


Fumare come un turco — Il tabagismo dei turchi è proverbiale, una fama che probabilmente nasce tra la metà del 19° e i primi anni del 20° secolo, quando il tabacco proveniente dal Paese era considerato il migliore del mondo. Il logotipo qui a sinistra delle sigarette “Moslem” —una marca della tedesca Mahala-Problem Berliner Zigarettenfabriken del 1908—dà un’idea del posizionamento... Da tempo però i paesi per bene scoraggiano il vizio, e non poteva essere da meno la Turchia di Recep Tayyip Erdo ğ an, l’attuale Presidente . Fin dal 2008—quando Erdo ğ an era ancora Primo Ministro—è stato introdotto un rigido divieto al fumo nei locali pubblici simile a quelli in uso nell’ Europa Occidentale.

I risultati iniziali del divieto—che si applica anche ai luoghi pubblici all’aperto come gli stadi, i parchi e i giardini delle moschee—sono stati positivi. Tra il 2008 e il 2011 il consumo turco è sceso da circa 115 miliardi di sigarette all’anno a meno di cento miliardi. Da allora però, è tutto finito—come si dice in Occidente—“ a puttane”. Il consumo di tabacco dalla popolazione turca è arrivato l’anno scorso a 125 miliardi di sigarette. Il tasso di fumatori tra gli uomini adulti è salito dal 39% al 42% e tra le donne dal 12 al 13%. L’aumento più spettacolare è stato tra i giovanissimi: nella classe d’età che va dai 13 ai 15 anni compresi, l’uso delle sigarette è cresciuto del 51% rispetto alla serie storica 2003-2012.

Si sta preparando un’intera nuova generazione di consumatori che fumano, sì , come turchi. Secondo il Dott. Oguz Kilinc, un professore di medicina e componente del consiglio direttivo della Turkish Thorax Association , il rovesciamento della tendenza è dovuto a tre fattori: primo, la miseria economica generalizzata di larga parte della popolazione, seguita dalla mancanza di azioni per ridurre la presenza del tabacco sul mercato e poi dal l’inefficacia degli sforzi per ridurre la domanda. “La Turchia è il settimo paese al mondo per il consumo di tabacco”, ha detto Kilinc al giornale Al- Monitor , “Le sperequazioni del reddito, la mancanza di giustizia sociale e i problemi domestici sono i principali elementi. È lo stesso in tutto il mondo. Il consumo (del tabacco) è più alto tra i disoccupati e i disagiati. È la povertà a spingere l’aumento ”.

I dati internazionali confermano l’osservazione dell’esperto turco. Perfino negli Stati Uniti—il paese anti-fumo per eccellenza—tra il 1965 e il 1999 le famiglie ad alto reddito hanno diminuito l’uso del tabacco del 62% rispetto a un calo del solo 9% in quelle più povere. Inoltre, secondo il Prof. Keith Humphries, il Director of Mental Health Policy alla Stanford University: “Anche se è migliorato l’accesso dei poveri alle terapie per smettere di fumare... sono ancora molto indietro rispetto alla middle class ”. I pronunciamenti degli accademici sono un conto. Forse l’ha detto meglio il cantautore nazionale turco Neset Ertas, che ha sfidato Erdo ğ an sul lancio della campagna anti-fumo poco dopo la sua introduzione nel 2008: “I nostri poveri e diseredati sono già a terra , non riescono a pagare la bolletta né della luce né dell’acqua. Non hanno nemmeno pane e olive da mangiare. La sigaretta è l’unica cosa che gli resta. Lasciamogliela stare”.

Tags:
turchia
in evidenza
Iodio, non solo nell'aria di mare Come alimentarsi correttamente

La ricerca sfata i luoghi comuni

Iodio, non solo nell'aria di mare
Come alimentarsi correttamente

i più visti
in vetrina
Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi

Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi


casa, immobiliare
motori
Citroen protagonista alle “giornate europee del patrimonio”

Citroen protagonista alle “giornate europee del patrimonio”


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.