A- A+
Esteri
Usa, Trump incriminato: si consegnerà martedì. "Ora guerra ai democratici"
Donald Trump

Usa, Trump: "Il giudice ha fatto il lavoro sporco per Biden"

Donald Trump, con ogni probabilità, si consegnerà alla polizia di New York nella giornata di martedì. Ormai è ufficiale: il gran giurì ha votato per l'incriminazione dell'ex presidente Usa, Donald Trump, per aver comprato nel 2016 il silenzio dell'attrice porno Stormy Daniels affinché mantenesse segreta una loro relazione. Trump è il primo presidente o ex presidente della storia americana ad essere incriminato. Il tycoon in corsa per le presidenziali del 2024, è accusato dal tribunale dello stato di New York di aver pagato con 130mila dollari l'attrice e regista di film porno.

"Questa è una persecuzione politica e una interferenza al più alto livello nella storia di un'elezione", ha detto in una dichiarazione il 45esimo presidente degli Stati Uniti, accusando i "democratici radicali di sinistra" di una "caccia alle streghe per distruggere il movimento Make America Great Again"(MAGA), che lui rappresenta. Tutto questo "si ritorcerà contro Biden", ha tuonato il tycoon in un lungo comunicato.

Il 76enne miliardario ha definito il procuratore distrettuale di Manhattan, Alvin Bragg, che lo ha incriminato, "vergognoso" per aver eseguito il "lavoro sporco" di Biden, la vittoria del quale alle elezioni del 2020 non ha mai riconosciuto. Allo stesso modo si è espresso il figlio Eric, che considera l'imputazione del padre come "un illecito procedurale da terzo mondo" e un "obiettivo opportunistico nei confronti di un avversario politico in un anno di campagna elettorale". L'ex presidente Usa, Donald Trump nel pomeriggio, prima della notizia di esser stato incriminato, aveva ripubblicato un editorialista di destra Wayne Allyn Root su Truth Social rilanciando un suo pezzo intitolato “I democratici vogliono incriminare e arrestare il presidente Trump. Vogliono una guerra? Diamoglielo".

Iscriviti alla newsletter
Tags:
donald trump condannatousa





in evidenza
La vendetta di Taylor Swift in un brano: "revenge song" contro il suo ex

L'attacco a Fernando Alonso

La vendetta di Taylor Swift in un brano: "revenge song" contro il suo ex


in vetrina
Boom per Salone del Mobile 2024 e Fuorisalone: i numeri tornano ai livelli pre Covid

Boom per Salone del Mobile 2024 e Fuorisalone: i numeri tornano ai livelli pre Covid


motori
Opel celebra 125 anni dalla nascita della produzione industriale dell’ auto

Opel celebra 125 anni dalla nascita della produzione industriale dell’ auto

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.