Advertisement
A- A+
Esteri
Virus, la Cina avrà impatto economico. Rischi per compagnie aeree e lusso

Una "bomba ad orologeria". Così alcuni analisti definiscono una potenziale pandemia del nuovo virus che proviene dalla Cina. Il ricordo va al 2003 quando la diffusione della Sars infierì un duro colpo all'economia della Cina, con perdite di Pil all'incirca di oltre 25 miliardi di dollari, e del mondo intero: gli effetti si sentirono infatti dal Canada all'Australia. Ora come allora, il virus, come ha detto Rajiv Biswas di IHS Markit, "si sta trasformando in un grande rischio economico potenziale per la regione dell'Asia-Pacifico". Non solo per la Cina gia' afflitta dalle tensioni commerciali con gli Usa, ma una pandemia rappresenterebbe un duro colpo anche ad esempio per il Giappone, che si prepara ad accogliere un numero significativo di visitatori stranieri per le Olimpiadi estive. Difficile ora fare una stima precisa dell'impatto sull'economia del nuovo virus: ci sono elementi da considerare come la sua diffusione, la durata e il raggio di infezione.

Quel che e' certo e' che non passera' inosservato anche se ora verrebbero esclusi gli effetti che la Cina sperimento' 17 anni fa con la Sars. Al momento, i listini asiatici e del Vecchio Continente riflettono la paura degli investitori: i titoli del lusso e delle compagnie aeree stanno registrando perdite rilevanti. Ma la posizione resta comunque attendista.

Nel 2003, a causa della Sars, il Pil cinese ebbe una battuta d'arresto nell'ordine di 2 punti percentuali, cosi' pure gli scambi commerciali con i paesi della regione. Yusuke Miura, ricercatore capo del Mizuho Research Institute di Tokyo, traccia cosi' un ipotetico, sciagurato, scenario: "Una diminuzione dei visitatori stranieri in Cina danneggerebbe inoltre l'industria del turismo. Inoltre, la gente del posto cercherebbe di evitare le folle in luoghi come i centri commerciali, minando cosi' i consumi". Interpellato da Cnbc, Rob Carnell capo economista di ING, ha ricordato come ai tempi della Sars, "i turisti smisero di viaggiare, i pendolari di prendere i mezzi pubblici cominciando a lavorare da casa, e i ristoranti erano pressocche' deserti". Una tragedia, visto che le vendite al dettaglio di beni di consumo rappresentano circa il 40% del PIL cinese. Su questa voce, gli analisti ritengono che per ora gli effetti del nuovo virus si faranno sentire ma la crescita dei consumi restera' comunque in linea con il 7%. Vero che all'epoca della Sars, la crescita del turismo nazionale cinese nel secondo trimestre del 2003 diminui' del 45% su base annua, e le entrate derivanti da questa attivita' calarono del 64%, ma e' pur vero che "il coronavirus di Wuhan e' meno grave e che la risposta del governo e' stata piu' rapida e piu' forte, l'impatto sull'economia sara' certamente inferiore". Per ora, le stime del Pil restano confermate: nel 2019, e' cresciuto del 6,1 per cento rispetto all'anno precedente, il suo ritmo peggiore degli ultimi 29 anni. Al netto del virus, secondo le ultime stime del Fondo, calera' al 5,8% nel 2022. Sembra scontato a questo punto che verranno riviste.

Loading...
Commenti
    Tags:
    virus cinesevirus cinasarsconseguenzeimpatto economico
    Loading...
    in evidenza
    Meghan-Harry, vince la Regina Addio al marchio Sussex Royal

    Royal Family News

    Meghan-Harry, vince la Regina
    Addio al marchio Sussex Royal

    i più visti
    in vetrina
    ELISABETTA CANALIS A SENO SCOPERTO PER LA MILANO FASHION WEEK 2020. Foto delle Vip

    ELISABETTA CANALIS A SENO SCOPERTO PER LA MILANO FASHION WEEK 2020. Foto delle Vip


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Nissan Navara N-Guard,look moderno ed esclusivo

    Nissan Navara N-Guard,look moderno ed esclusivo


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.