A- A+
Esteri
Zaki in manette alla seconda udienza durata 2 minuti

Zaki processo, la seconda udienza del processo a Patrick Zaki si è svolta presso il tribunale di Mansura. La legale Nasrallah ha chiesto un rinvio per studiare gli atti

L'udienza odierna è durata solo due minuti, hanno riferito fonti del collegio di difesa, il tempo per la legale di Patrick Zaki, Hoda Nasrallah, di chiedere il rinvio. La legale ha chiesto anche una copia autenticata del fascicolo dato che finora vi ha avuto accesso solo in consultazione presso uffici giudiziari, senza dunque poterlo studiare adeguatamente. Il giudice monocratico si è ritirato per decidere sulla richiesta, hanno precisato le fonti sintetizzando quanto detto da Nasrallah a ridosso del banco del giudice. Come la prima udienza del 14 settembre,  anche quella di oggi si è svolta alla presenza della Corte di Sicurezza dello Stato per i reati minori (o d'emergenza) di Mansura, città natale di Patrick. 

Zaki, il ministro egiziano: "Sul caso decide l'autorità giudiziaria"

"E' una questione che viene trattata in questo momento in tribunale dalle autorita' giudiziarie e come ministro non posso rilasciare commenti. Le nostre istituzioni sono indipendenti. Spero che vada a finire bene". Lo ha detto Tarek El Molla, ministro del Petrolio e delle risorse minerarie dell'Egitto a proposito del caso di Patrick George Zaki, intervistato dal TgR Emilia-Romagna a margine di Omc-Offshore Mediterranean Conference and Exhibition, il salone dell'energia al via oggi a Ravenna. Sul palco di Omc, nei saluti iniziali, è stato il sindaco di Ravenna, Michele De Pascale, a portare il caso Zaki all'attenzione della platea. "Come campus dell'Università di Bologna speriamo che Patrick Zaki possa tornare presto ai suoi studi. Sviluppo economico e tutela dei diritti umani sono per noi inscindibili", ha detto il sindaco che nella foto di rito dell'evento ha rifiutato il posto accanto al ministro egiziano. 

Bologna in piazza, continua la lotta per Zaki libero

Bologna non si ferma nella lotta per la liberazione di Patrick, lo studente egiziano dell'ateneo bolognese che da oltre un anno e mezzo è in carcere. La mobilitaizone organizzata da Amnesty International Italia ha avuto luogo il 27 settembre, proprio alla vigilia della nuova udienza. “In Egitto in cinque minuti si può condannare. Se le cose andranno male – ha detto Riccardo Noury, presidente di Amnesty International da piazza Maggiore – il problema sarà politico e riguarderà Mario Draghi che dovrà pretendere da Al-Sisi la grazia per Patrick”.

 

Commenti
    Tags:
    zakipatrick zaki





    in evidenza
    Fagnani in crisi con Mentana? L’indizio rivelatore che incuriosisce

    La coppia più famosa del giornalismo

    Fagnani in crisi con Mentana? L’indizio rivelatore che incuriosisce

    
    in vetrina
    Fuorisalone, la guida di Affari agli eventi della Milano Design Week 2024

    Fuorisalone, la guida di Affari agli eventi della Milano Design Week 2024


    motori
    Fiat: Partner di Torino Capitale della cultura d’impresa 2024

    Fiat: Partner di Torino Capitale della cultura d’impresa 2024

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.