A- A+
Food
Big Mamma, da Parigi a Napoli per selezionare pizzaioli e fornai talentuosi
Crédit photo Jérôme Galland

Da Parigi a Napoli per cercare almeno venti giovani dai 18 ai 30 anni talentuosi pizzaiuoli e fornai campani. La proposta, che parte dal gruppo Big Mamma, fondato a Parigi alla fine del 2013, e dal suo chef executive, il ventottenne napoletano Ciro Cristiano, è davvero accattivante. Chi supererà la selezione, che si terrà nei giorni  27 e 28 febbraio  a Napoli, presso il Mulino Caputo, avrà l’opportunità di sottoscrivere un contratto a tempo indeterminato. Previste anche alcune facilitazioni in vista dell’inserimento,   come   un   corso di francese e un aiuto per l’alloggio, il tutto con data da concordare. Un’opportunità  per chi cerca lavoro e desideri realizzare   un’esperienza all’ombra della Torre Eiffel facendo  parte di questo dinamico gruppo che, ad oggi, conta 420 collaboratori, tutti ragazzi tra i 18 e i 27 anni, provenienti da tutta Italia con percorsi diversi. Come partecipare? Inviando   la candidatura all’indirizzo email: mammateam@bigmamma.it. Il gruppo Big Mamma conta,  fino ad oggi, sei ristoranti: East Mamma, Ober Mamma, Mamma Primi, Biglove Caffè, Pizzeria Popolare e Pink Mamma, ma prevede altre aperture sia in terra francese che all’estero. Ai giovani selezionati sarà garantito un percorso d’integrazione ed una formazione in azienda. Il  concetto di Big Mamma è quello di  portare all’estero le  tipicità  della trattoria  italiana:  prodotti   di  qualità importati direttamente dal paese di origine dello Stivale, specialità preparate in casa da una squadra italiana, prezzi bassi (una margherita costa 5 euro, come a Roma o a Napoli) e ambiente accogliente. “Il nostro è un progetto con ampi margini di crescita ed è per questo che vogliamo conoscere nuovi giovani talenti che possano entrare a far parte del nostro team”, dichiara Ciro Cristiano.  “Abbiamo scelto la farina del Mulino Caputo e desideriamo selezionare pizzaioli e fornai esperti in pizza napoletana. Tra chi ci invierà il curriculum, coloro che   avranno le caratteristiche che cerchiamo, saranno invitati a trascorrere una giornata presso il Mulino,  con un programma molto interessante”. 

Il programma prevede la visita al Mulino Caputo e la presentazione del gruppo Big Mamma. A seguire, la prova pratica per i pizzaioli e per i fornai e, infine, i colloqui individuali con i candidati selezionati. L’attività del Mulino nasce alla fine dell’Ottocento, quando il bisnonno dell’attuale amministratore delegato, Antimo, rientrato dall’America dove era emigrato, fonda prima un mulino e poi un pastificio a Capua. Solo nel 1934 l’attività viene trasferita a Napoli dove oggi è in funzione uno stabilimento con processi produttivi meccanizzati e si producono una quindicina di tipi di farina, da quella per pizze a quella biologica e per celiaci. Oltre al mercato italiano, Mulino Caputo è sempre più proiettato verso l’estero dove esporta il 25% della produzione. La storica etichetta rossa della farina doppio zero arriva in cinquanta Paesi, tra cui Giappone, Stati Uniti, Singapore, Brasile, Australia, Spagna, Russia e Regno Unito. 

Tags:
pizzamargheritamolino caputofarina
in evidenza
Locatelli show: Italia agli ottavi Rimpianto Milan e assalto Juve

Euro2020, Svizzera travolta

Locatelli show: Italia agli ottavi
Rimpianto Milan e assalto Juve

i più visti
in vetrina
Raffaella Fico, mostra il doppio "punto di vista" (le foto). E Wanda Nara...

Raffaella Fico, mostra il doppio "punto di vista" (le foto). E Wanda Nara...


casa, immobiliare
motori
Nuova Mercedes AMG GT Coupe’4, sempre più ‘sartoriale’

Nuova Mercedes AMG GT Coupe’4, sempre più ‘sartoriale’


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.