A- A+
Food
Grigliate estive: ecco come cucinare sicuro senza rischi infezioni

Grigliate estive: le regole per cucinare in modo sicuro ed evitare il rischio di infezioni alimentari

Estate, stagione di grigliate ma anche di focolai di Campylobacter, Salmonella, Escherichia coli e altri batteri responsabili di infezioni alimentari. Uno dei motivi è l’assunzione di carne cruda , considerata un terreno fertile per la crescita di batteri indesiderati e a volte anche pericolosi. Purtroppo sono ancora tante le persone che seguono le poche e semplici regole per evitare sgradevoli incidenti.

Ogni volta che maneggiamo la carne cruda è opportuno lavarsi le mani prima di toccare qualsiasi altro alimento, soprattutto quelli destinati ad essere consumati crudi. Allo stesso modo ogni utensile usato per preparare la carne cruda non deve essere riutilizzato per maneggiare la costoletta o lo spiedino cotto. Per questo motivo bisogna dotarsi di piatti, pinze e posate due set di attrezzi e avere l’accortezza di tenerli separati per evitare contaminazioni dopo la cottura. Un altro aspetto da considerare è la marinatura, che alcuni utilizzano come condimento sulla carne una volta cotta o sull’insalata: in questo modo ci si espone a eventuali batteri contaminanti presenti nella carne, concentrati nella marinatura insieme ai succhi.

La cottura infatti elimina tutti i batteri pericolosi presenti sulla carne ma solo se si raggiungo i 70°C al centro del prodotto. Per essere sicuri di avere raggiunto questa temperatura si può usare  un termometro per alimenti. Bisogna ricordare anche che tagli differenti di carne, carni di specie diverse, con e senza osso, richiedono tempi di cottura differenti. È consigliabile iniziare a cuocere i tagli dallo spessore maggiore insieme alle parti con osso controllando il colore all’interno.

Questi accorgimenti sono particolarmente importanti quando si griglia carne di pollo e di maiale, considerati i principali veicoli di focolai di campylobatteriosi con migliaia di casi ogni anno. Il pollo poco cotto è infatti il protagonista di una simpatica campagna dell’agenzia scozzese Food Standards Scotland dove protagonista è proprio un pollo rosa. Il messaggio è molto semplice: “Niente rovina l’estate come il pollo rosa”. Analogamente la carne di maiale di una bella braciola poco cotta, può veicolare Salmonella o Yersinia enterocolitica.

Le regole per il pollo e il maiale valgono anche per hamburger e salamelle  visto che la carne macinata contiene tagli di varia provenienza ed eventuali contaminazioni batteriche si possono diffondere in tutto l’alimento. Per essere sicuri che un hamburger o una salamella siano cotti all’interno, occorre controllare  il colore e la temperatura al centro che deve raggiungere i 70°C.

da Il Fatto Alimentare 

Tags:
grigliate estivecucinare alla grigliacarne possibili infezioni
in evidenza
"Professione Manager". Perrino ospita Scaroni e Fiorani

Affari al Festival dell'Economia

"Professione Manager". Perrino ospita Scaroni e Fiorani

i più visti
in vetrina
Simest, la qualità a supporto della competitività delle esportazioni italiane

Simest, la qualità a supporto della competitività delle esportazioni italiane


casa, immobiliare
motori
Nissan Ariya protagonista nella conquista dei due Poli

Nissan Ariya protagonista nella conquista dei due Poli


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.