A- A+
Green
Greenwashing, dai big dell'oil al fashion: i casi più clamorosi del 2022

Greenwashing, quando la lotta alla crisi climatica è solo business di facciata. Lo scenario 

Essere “green” per stare al passo con la moda. Finché non si scivola nel “greenwashing”. Pratica ormai comune, soprattutto a livello aziendale, l'ecologismo di facciata consiste nell’utilizzo della sostenibilità come mero strumento di pubblicità, e non un valore su cui fondare il proprio business. Perseguendo un unico obiettivo. Ovvero? Dimostrare a clienti e pubblico un sempre rinnovato impegno nei confronti dell’ambiente. Ma chi sono i maggiori marchi che hanno cavalcato l’onda di campagne verdi discutibili nell’anno appena passato? A scattarne una fotografia a tutto tondo è la rivista internazionale Eco Business, che ha raccolto i casi più clamorosi di falsa informazione ambientale. Dai colossi bancari internazionali ai big dell’oil, fino ai marchi di fast fashion: ecco lo scenario. 

Greenwashing e il caso di Hsbc: coltiviamo alberi (ma anche centrali a carbone)

Tra i protagonisti del greenwashing spicca sicuramente il settore bancario. Nell’analisi vengono prese in considerazione due realtà: Hsbc, uno dei più grandi gruppi al mondo, primo istituto di credito europeo per capitalizzazione con 157,2 miliardi di euro, e il colosso tedesco Deutsche Bank. Nel primo caso la realtà finanziaria ha subito il ritiro di una campagna pubblicitaria nel Regno Unito, dopo che l’autorità di controllo della pubblicità del Paese ha stabilito che Hsbc pubblicizzava un programma di piantumazione di alberi e il suo piano net-zero senza riconoscere che allo stesso tempo finanziava progetti di combustibili fossili.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
ambientalismofast fashiongreenwashingsostenibilità





in evidenza
Elodie-Annalisa per reggere l'urto del post-Amadeus. E poi...

Carlo Conti a Sanremo

Elodie-Annalisa per reggere l'urto del post-Amadeus. E poi...


in vetrina
Milano, inaugurato il primo murale in Italia dello street artist Obey

Milano, inaugurato il primo murale in Italia dello street artist Obey


motori
Concept Mercedes-AMG PureSpeed: il futuro delle Hypercar Mythos

Concept Mercedes-AMG PureSpeed: il futuro delle Hypercar Mythos

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.