A- A+
Green
Inquinamento, lo smog favorisce il declino cognitivo durante l’infanzia

Inquinamento, gli effetti dell'inquinamento sulle attività cerebrali 

L’esposizione allo smog durante l’infanzia può influire sulle capacità cognitive in età più avanzata. Questo è quanto emerge da uno studio, pubblicato sul Journal of Alzheimer's Disease e nell’Handbook on Air Pollution, condotto dagli esperti dell’Università di Edimburgo, che hanno coinvolto oltre 500 persone di 70 anni per verificare gli effetti dell’inquinamento sulle capacità cognitive. 

“Il livello di inquinamento sembra giocare un ruolo nelle capacità cognitive in età avanzata – afferma Tom Russ, direttore dell'Alzheimer Scotland Dementia Research Center presso l'Università di Edimburgo – chi era stato più esposto infatti era associato a un lieve, ma rilevabile declino cognitivo tra gli 11 e i 70 anni”. 

Il team ha testato l’intelligenza generale di 500 persone di età pari a 70 anni, alle quali era stato sottoposto un test all’età di 11 anni nell’ambito dello studio Lothian Birth Cohort 1936, volto a indagare le alterazioni nel modo di ragionare delle persone durante il corso dell’esistenza. Gli scienziati hanno tenuto conto delle condizioni di inquinamento atmosferico a cui i partecipanti avevano vissuto durante l’infanzia.

Inquinamento, aria più pulita per la salute pubblica 

“Non sappiamo ancora il motivo di questo effetto – commenta l’esperto – ma sembra che l'inquinamento atmosferico possa provocare una riduzione delle capacità cognitive. Lavori precedenti hanno ipotizzato che le particelle metalliche presenti nell’aria contaminata possano raggiungere il cervello e danneggiare i neuroni, ma dai nostri dati non possiamo collegare l'esposizione all'inquinamento atmosferico durante l'infanzia a nessun cambiamento significativo tra gli 11 ei 70 anni”.

“L’obiettivo primario della società – sostiene Susan Kohlhaas dell'Alzhaeimer UK, che non è stata coinvolta nello studio – dovrebbe essere quello di ottenere aria più pulita per motivi di salute pubblica”.

Il gruppo di ricerca ha utilizzato modelli statistici per analizzare la relazione tra l'esposizione all’inquinamento e le capacità di pensiero durante l’età avanzata, tenendo conto di fattori legati allo stile di vita, come lo socio-economico e l’abitudine del fumo. “La demenza non è un evento inevitabile dell’invecchiamento – ribadisce l’autore – ci sono diversi aspetti che possono esacerbare o diminuire il rischio di insorgenza di questa condizione e il nostro studio ha evidenziato il pericolo dell’inquinamento atmosferico”.

“Il nostro lavoro – conclude Russ – rappresenta la prima dimostrazione degli effetti nocivi dell’inquinamento atmosferico sull’organo cerebrale. Speriamo che la nostra ricerca incentivi la scienza e la società a unificare gli sforzi per puntare a ottenere aria più pulita per migliorare la salute pubblica”. 

Commenti
    Tags:
    inquinamento smog declino cognitivo infanziainquinamento smog declino infanziainquinamento infanzia smog infanzia bambini
    in evidenza
    Arriva l'aria polare dalla Svezia Fine maggio brividi. Previsioni

    Meteo

    Arriva l'aria polare dalla Svezia
    Fine maggio brividi. Previsioni

    i più visti
    in vetrina
    Simest, la qualità a supporto della competitività delle esportazioni italiane

    Simest, la qualità a supporto della competitività delle esportazioni italiane


    casa, immobiliare
    motori
    Nuova Maserati MC20 Cielo, la spider dal tetto retrattile

    Nuova Maserati MC20 Cielo, la spider dal tetto retrattile


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.