A- A+
Green
Pesca illegale e inquinamento dei fiumi. Il Pacifico è l’oceano più depredato
Pesca illegale nel Po

Ambiente, Onu: la pesca illegale e l'inquinamento sono i mali maggiori degli oceani

La minaccia alle specie marine che implicano la pesca illegale e l'inquinamento che i fiumi portano lungo la costa hanno deteriorato la salute degli oceani, che richiede un'attenzione urgente. Lo ha detto un inviato speciale dell'Onu intervenendo ieri a Santiago. La pesca illegale è diventata un male molto serio, in quanto rappresenta il 20% dell'attività di pesca nel mondo e non solo mette in pericolo la vita marina ma è anche associata ad altri crimini come il traffico di droga e di persone, ha detto all'AFP Peter Thomson, inviato speciale delle Nazioni Unite per gli oceani, a Santiago. "È molto importante, 23.000 milioni di dollari all'anno vengono persi a causa della pesca illegale. Di tale importo, il 60% corrisponde all'Oceano Pacifico", ha dichiarato Thomson, dopo aver tenuto una conferenza stampa presso la sede della Commissione economica per l'America Latina e i Caraibi (ECLAC), nella capitale cilena.

Ma Thomson ha ancora speranza. Ha riferito che durante il prossimo incontro a Santiago del Forum di cooperazione Asia-Pacifico (APEC), che tra il 16 e il 17 novembre riunirà 21 tra le più importanti economie del mondo, il Cile porrà questo problema per cercare di sradicare la pesca illegale nell'Oceano Pacifico. A giugno la FAO ha riunito in Cile un centinaio di rappresentanti di Paesi per sollecitare maggiori controlli portuali su navi sospette e persino impedire il loro sbarco in caso di sospetti sul loro carico. "Dobbiamo cercare di fermare questa attività illegale, dobbiamo controllare lo stock di pesca esistente", ha detto Thomson. Circa 26 milioni di tonnellate di pesce vengono catturate illegalmente ogni anno. E la salute degli oceani sarà tra i temi della prossima COP25, che si terrà tra il 2 e il 13 dicembre proprio in Cile e  dovrebbe rappresentare uno scenario per affrontare i problemi. Oltre al riscaldamento globale, saranno discussi anche la deforestazione, l'inquinamento di fiumi e oceani e le energie rinnovabili. "Sarà un'edizione speciale, verranno affrontati tutti i problemi della terra ed è per questo che sarà la 'COP blu' o la 'Conferenza blu', in cui attendiamo dichiarazioni affinché i Paesi aumentino la sostenibilità", ha affermato il rappresentante delle Nazioni Unite.

Thomson ha avvertito della presenza di circa 500 "zone morte" negli oceani di tutto il mondo, in cui non c'è vita a causa della mancanza di ossigeno e della penetrazione del sole nelle profondità. Vari inquinanti industriali, fertilizzanti provenienti da aree agricole, petrolio greggio e rifiuti dalle città costiere vengono lavati via senza alcun trattamento dal flusso di fiumi che sfociano nei mari, producendo nutrienti che consentono la crescita di alghe altamente tossiche che causano questi zone morte Le spiagge paradisiache delle isole dei Caraibi nell'Atlantico e nel Golfo del Messico sono state invase dal sargassum che oltre a minacciare la vita marina, ha causato gravi danni all'industria del turismo, spaventando i visitatori per la sua alta tossicità e il suo cattivo odore. A ciò si aggiunge l'inquinamento da plastica nel mare, che richiede un maggiore impegno dell'industria del settore, che per quest'anno ha già previsto un aumento del 40% della produzione mondiale. "Dobbiamo cercare soluzioni che hanno a che fare con la natura come la riproduzione delle mangrovie, il controllo delle alghe, investire nella protezione dei giacimenti di corallo e delle energie rinnovabili", ha concluso Thomson. 

Commenti
    Tags:
    pesca illegaleinquinamento fiumiinquinamento mare
    in evidenza
    Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

    Esportazioni

    Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

    i più visti
    in vetrina
    Scatti d'Affari Air France-KLM, firmata partnership commerciale strategica di 10 anni

    Scatti d'Affari
    Air France-KLM, firmata partnership commerciale strategica di 10 anni


    casa, immobiliare
    motori
    Renault svela Scenic Vision, le sua nuova concept car

    Renault svela Scenic Vision, le sua nuova concept car


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.