A- A+
Green
Smartphone, allarme rifiuti elettronici: in Italia emesse 57 tonnellate di CO2

Smartphone, telefoni cellulari più obsoleti, televisioni, apparecchi elettronici: dare una seconda vita alla tecnologia usata dovrebbe diventare ormai una prassi e non più un'eccezione. Soprattutto se andiamo a relazionere i rifiuti dei dispositivi e l'impatto ambientale che ne deriva. Rebuy, negozio online di elettronica usata, diventata sempre più consapevole del volume di telefoni cellulari perfettamente funzionanti ma indesiderati che raccolgono la polvere nel retro di armadi e cassetti, ha commissionato uno studio sui rifiuti elettronici dei telefoni cellulari in ventisette paesi, per far luce su questo importante argomento.

In un'analisi preliminare, questi risultati favoriscono per la prima volta un confronto tra paesi della stima dei rifiuti elettronici derivanti da telefoni cellulari e del potenziale valore ambientale ed economico di questi vecchi modelli. Rivelando non solo quanti telefoni cellulari sono in uso, questi dati mostrano anche che alcune nazioni hanno più telefoni dismessi che raccolgono polvere nelle loro case di quante ne abbiano le persone che vivono nel paese.

In particolare, lo studio rivela che la Svezia ha il maggior numero di telefoni cellulari pro capite "dismessi", pari a 1,31, il che significa che gli svedesi hanno più modelli di telefoni cellulari abbandonati a raccogliere polvere nelle loro case di quanti ne abbiano i cittadini. La Finlandia occupa il secondo posto con 1,29 telefoni, mentre Regno Unito, Lituania ed Estonia occupano insieme il terzo posto con 1,24 telefoni cellulari pro capite. La Nuova Zelanda è il paese con meno telefoni cellulari dismessi pro capite, con un valore di 0,54, seguita dal Canada e dagli Stati Uniti, rispettivamente con 0,60 e 0,68. Gli Stati Uniti hanno il maggior numero totale di telefoni cellulari dismessi dell'indice, con 223,1 milioni di unità. Seguono la Germania, con 84,7 milioni, e il Regno Unito con 83,1 milioni. Il numero totale di telefoni cellulari dismessi per tutti i 27 paesi dell'indice equivale a un valore di vendita di 1,9 miliardi di euro in metalli preziosi come oro, argento, palladio, platino e rame. L'Italia si colloca al 12° posto su 27, con 1,05 telefoni cellulari dismessi a testa.

Lo studio stila anche una lista dei Paesi con il tasso più alto e più basso livello di emissioni. Nel primo gruppo rientrano Usa , Germania, Regno Unito, Francia, Italia, Spagna, Polnonia, Canada , Romania e Svezia. Mentre nel secondo Estonia, Lettonia, Slovenia, Nuova Zelanda, Croazia, Irlanda, Bulgaria, Danimarca e Finlandia.

In generale, lo studio afferma che il tasso medio di riciclaggio e riutilizzo dei telefoni cellulari nell'indice è dell'80%, il tasso medio complessivo di riciclaggio è pari alla metà, pari al 40%. La Lituania è l'unico Paese dell'indice con più telefoni cellulari in uso rispetto alle persone, con un tasso di 1,08 pro capite. Romania, Grecia e Canada hanno le peggiori percentuali di riciclaggio complessivo, rispettivamente all'11%, al 19% e al 24%, rispetto a Slovenia, Germania e Lituania che sono i migliori performanti, rispettivamente al 75%, al 67% e al 59%. Il totale dei rifiuti elettronici generati da tutti i 27 Paesi dell'indice è di 23.964 tonnellate, che equivale a più di 54 aerei Boeing 747-8 caricati con massimo peso al momento del decollo (442 tonnellate ciascuno), o a più di 138 balene blu (173 tonnellate ciascuno). 

"Ci sono circa 3 miliardi di persone su questo pianeta che non possiedono un telefono cellulare, eppure solo in questi 27 paesi, si stima che nelle nostre case ci siano 771 milioni di telefoni inutilizzati. Molti di questi modelli potrebbero funzionare perfettamente, ma semplicemente non sono conformi all'ultimo modello o alle tendenze. Per molti di noi che abitiamo in paesi prosperi, è facile dimenticare quanto sia un lusso e un privilegio potersi collegare con i nostri cari o avere accesso a un'enciclopedia infinita di conoscenze con un semplice click", commenta Philipp Gattner, ceo di reBuy. "Sarebbe incredibile se questo indice aiutasse a ispirare le persone a regalre, donare o riciclare correttamente i loro vecchi cellulari in modo che qualcun altro nel mondo possa beneficiare di questa incredibile tecnologia che molti di noi purtroppo danno per scontato".

"La pandemia ha fatto sì che tutti guardassero con attenzione alla propria vita, e con l'aumento delle perdite di posti di lavoro e l'incombente recessione, molte persone hanno riesaminato anche il loro rapporto con il consumismo. L'idea che abbiamo bisogno di tecnologie nuove di zecca è un errore, poiché quando si acquistano articoli di seconda mano rigenerati, un tecnico specializzato si assicura che siano perfettamente funzionanti, ma con la possibilità di essere acquistati ad una frazione del prezzo originale", dice Philipp Gattner, l'amministratore delegato di reBuy. "È giunto il momento di riesaminare il nostro rapporto con l'essere 'cool' e 'alla moda' e di concentrarci invece su acquisti consapevoli che tengano conto non solo del costo ma anche dell'impatto ambientale delle nostre decisioni d'acquisto".

"Anche se i nostri dati mostrano chiaramente che le percentuali di riciclaggio dei telefoni cellulari sono significativamente più elevate rispetto alle percentuali complessive, cosa che indica che il pubblico è ben informato sui rifiuti elettronici, ci sono ancora milioni di tonnellate di rifiuti elettronici che vengono inopportunatamente gettati in discarica ogni anno. Secondo l'Organizzazione Mondiale della Sanità, ci sono rischi significativi per la salute associati alla fuoriuscita di sostanze chimiche dai rifiuti elettronici che hanno un impatto sul nostro suolo e quindi sul nostro cibo, sull'acqua potabile e sulla fauna locale", afferma Philipp Gattner. "Statista ha riferito che nel 2019, il 96% dei giovani tra i 18 e i 29 anni negli Stati Uniti possedeva un telefono cellulare, il che significa che le giovani generazioni sono un importante gruppo di consumatori di tecnologia. Con la generazione Z e anche i più giovani che si preoccupano dell'ambiente molto più di qualsiasi altra fascia d'età, è importante sottolineare le conseguenze negative di uno smaltimento inadeguato dei telefoni non desiderati per aiutare a sensibilizzare i giovani".

"Anche se esistono norme severe per rendere l'estrazione dei metalli minimamente dannosa per l'ambiente, può comunque causare potenziali disturbi al paesaggio, contaminazione del suolo, dell'acqua o dell'aria e può portare a problemi di sicurezza pubblica", commenta il ceo. "Quello che questo studio illustra è che ognuno di noi ha oro, argento, palladio e altro ancora dimenticato negli armadi e in vecchi cassetti, dentro i nostri vecchi telefoni non più desiderati. Il valore di vendita di tutto il metallo prezioso contenuto nei telefoni cellulari dismessi dei 27 Paesi inclusi nell'indice è di 1,9 miliardi di euro. Se tutti questi telefoni fossero adeguatamente riciclati nei centri di raccolta dei rifiuti elettronici, allora questi metalli potrebbero avere una seconda vita altrove, e ridurre la necessità di un'estrazione mineraria potenzialmente più dannosa".


 

Commenti
    Tags:
    smartphone ambientesmartphone ambiente emissioniambiente emissioni
    in evidenza
    La confessione di Francesca Neri "Sono una traditrice seriale"

    Guarda la gallery

    La confessione di Francesca Neri
    "Sono una traditrice seriale"

    i più visti
    in vetrina
    Nexi Debit Premium: una nuova carta di debito esclusiva su rete Visa

    Nexi Debit Premium: una nuova carta di debito esclusiva su rete Visa


    casa, immobiliare
    motori
    Nuova Opel Astra, inizia una nuova era

    Nuova Opel Astra, inizia una nuova era


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.