A- A+
Green
Smog, 35 città oltre i limiti: Torino maglia nera, seguita da Milano e Padova

Nel 2020, secondo quanto emerge dal report annuale “Mal’aria di città 2021” di Legambiente, sono 35 i capoluoghi di provincia fuorilegge per polveri sottili. Torino si colloca al primo posto con 98 giorni di sforamenti, seguita da Venezia con 88 e Padova con 84 giorni. Tra le città del centro sud il primato spetta ad Avellino con 78 giorni "fuorilegge" e Frosinone con uno in meno. 

Smog, preoccupano i parametri Oms

Anche il confronto con i parametri dell'Oms sono preoccupanti: 60 le città italiane che registrano una media annuale di Pm10 superiore a quanto indicato dall’Organizzazione mondiale della sanità. A guidare la classifica è sempre Torino, seguita da Milano, Padova, Rovigo, Venezia, Treviso, Cremona, Lodi, Vicenza, Modena e Verona. Oltre alle città del nord però, a superare il limite suggerito dall’OMS sono anche città come Avellino Frosinone, Terni, Napoli, Roma, Genova, Ancona, Bari, Catania solo per citarne alcune.

Smog, un 2020 segnato dalla pandemia e dall'emergenza polveri

Per Legambiente i dati di Mal’aria ci ricordano che il 2020, oltre ad essere stato segnato dalla pandemia ancora in corso, è stato anche contrassegnato dall’emergenza smog e dalla mancanza di misure specifiche per uscire dalla morsa dell’inquinamento. Lo dimostra - si legge nel Rapporto - la mancanza di ambizione dei Piani nazionali e regionali e degli Accordi di programma che negli ultimi anni si sono succeduti ma che, nella realtà dei fatti, sono stati puntualmente elusi e aggirati localmente pur di non dover prendere decisioni impopolari. 

E lo dimostrano anche le due procedure di infrazione comminate all’Italia per il mancato rispetto dei limiti normativi previsti della Direttiva europea per il Pm10 e gli ossidi di azoto, a cui si è aggiunta lo scorso novembre una nuova lettera di costituzione in mora da parte della Commissione europea in riferimento alle eccessive concentrazioni di particolato fine (Pm2,5) a cui ora l’Italia dovrà rispondere, essendo state giudicate “non sufficienti” le misure adottate dal nostro Paese per ridurre nel più breve tempo possibile tali criticità.   

Smog, Legambiente: "Attuare misure preventive e efficaci"

Giorgio Zampetti, direttore generale di Legambiente, afferma: "L'inquinamento atmosferico è un problema complesso che dipende da molteplici fattori come il traffico, il riscaldamento domestico, l'agricoltura e l'industria in primis. La pandemia in corso non ci deve far abbassare la guardia sul tema dell'inquinamento atmosferico, ma deve stimolarci a non sprecare le risorse economiche in arrivo dall'Europa. In particolare chiediamo che vengano destinate cifre adeguate per la mobilità urbana sostenibile, sicura e con una vision zero anche per riqualificare le strade urbane e le città". 

È urgente - secondo Zampetti - procedere con misure preventive e azioni efficaci, strutturate e durature città pulite e più vivibili dopo la pandemia. Una sfida europea, quella delle Clean Cities, a cui stiamo lavorando in rete con tante altre associazioni.  

 

Commenti
    Tags:
    smog città limiti torino venezia padovacittà smog inquinamento venezia padovacittà smog venezia padova
    in evidenza
    Leao perde la causa milionaria Pagherà 20 mln di risarcimento

    Chiuso il caso con lo Sporting

    Leao perde la causa milionaria
    Pagherà 20 mln di risarcimento

    i più visti
    in vetrina
    Simest, la qualità a supporto della competitività delle esportazioni italiane

    Simest, la qualità a supporto della competitività delle esportazioni italiane


    casa, immobiliare
    motori
    FIAT premia lo stile di guida ecosostenibile con la Nuova 500

    FIAT premia lo stile di guida ecosostenibile con la Nuova 500


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.