A- A+
Green
Transizione ecologica, tempi duri per Macron
(fonte Lapresse)

“Avvicinarsi all’obbiettivo di diminuire almeno del 40% le emissioni di gas serra da qua al 2030”, voto: 2.5 su 10. “Soddisfazione per le azioni attuate dal Governo (in chiave ecologica)”, 3.3 su 10. “Limitazione degli effetti nefasti sul clima del trasporto aereo”, voto 2.8 su 10.

L’ottava e ultima riunione della CCC (Convention citoyenne pour la transition écologique) boccia le iniziative legate alla sostenibilità ambientale del governo francese.

La Convenzione, tenutasi ieri, doveva, appunto, mostrare attraverso voti da 1 a 10 il giudizio dei cittadini sulla transizione ecologica d’Oltralpe.

La CCC è una sorta di comitato pubblico, costituito nell’ottobre 2019 dal Consiglio economico, sociale e ambientale, nato su iniziativa del Primo ministro di Macron, Èdouard Philippe.

Raggruppa 150 cittadini francesi, sorteggiati tra l’intera popolazione e ha come obbiettivo il “definire le misure strutturali per giungere in uno spirito di giustizia sociale, in modo da ridurre le emissioni di gas serra almeno del 40% entro il 2030, in rapporto al 1990”.

Il risultato appare catastrofico, visto che la domanda principale si è meritata, appunto, un due e mezzo, quindi largamente al di sotto della “sufficienza”. In generale, anche i quesiti minori hanno ricevuto voti deludenti. A superare il 6, solo punti teorici come, ad esempio, l’approvazione per l’intenzione del Governo di introdurre la lotta contro il cambiamento climatico nel primo articolo della Costituzione (voto 6.1 su 10).

Barbara Pompili, il Ministro di Macron per la transizione ecologica, si difende così in un’intervista a Le Monde: “Non è una sorpresa, ce lo aspettavamo. I membri del CCC hanno reagito come se vi fosse un unico progetto di legge sul clima, mentre in realtà aspetti importanti saranno contemplati in leggi differenti”.

In effetti, l’esame del “Projet de loi Climat et résilience” deve ancora prendere ufficialmente forma, anche perché le diverse anime del Governo transalpino paiono divise sui temi dell’ecologia.

Un segnale forse debole, ma significativo, si è avuto cinque giorni fa, quando la Giunta verde di Lione ha imposto un menù unico vegetariano nelle scuole della città.

Julien Denormandie, Ministro dell’agricoltura, ha twittato: “Basta mettere l’ideologia nei piatti dei nostri bambini!”, spalleggiato dal Ministro dell’interno, Gérald Darmanin che ha definito l’iniziativa lionese frutto di un’ideologia scandalosa.

Mentre Madame Pompili ha polemizzato: “Sono amareggiata che si ricada in un dibattito preistorico, con cliché tipo: l’alimentazione vegetariana è un’alimentazione squilibrata”.

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    macronmacron greenfrancia green
    in evidenza
    La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

    Corporate - Il giornale delle imprese

    La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

    i più visti
    in vetrina
    CDP, approvato Piano Strategico. Gorno Tempini: "Occasione senza precedenti"

    CDP, approvato Piano Strategico. Gorno Tempini: "Occasione senza precedenti"


    casa, immobiliare
    motori
    Toyota svela la nuova Yaris GR SPORT

    Toyota svela la nuova Yaris GR SPORT


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.