A- A+
Lavoro
2015: per i giovani under 30 contratti stabili al 76%
logo fondazione studi
 

Il Jobs Act ha prodotto nel 2015 un aumento del 62% dei contratti stabili e per i giovani con meno di 30anni questa percentuale sale al 76%.

E’ quanto emerge dal rapporto annuale Inps, pubblicato il 7 luglio 2016 e presentato a Montecitorio alla presenza del Ministro Poletti, che ha messo in luce alcuni aspetti dell’attuale mercato del lavoro. Dati positivi per la ripresa dell’occupazione quelli registrati durante lo scorso anno, nonostante i forti disagi sociali – così come sottolineato dal Presidente Inps, Tito Boeri – prodotti dalla Legge Fornero che “ha reso più difficile l’ingresso dei giovani nel mondo del lavoro, contribuendo ad aumentare la disoccupazione giovanile”. Il 2015 è stato caratterizzato da un forte incremento nella quota di assunzioni con contratti a tempo indeterminato, aumentato di più di mezzo milione nel 2015,  a discapito dei contratti a tempo determinato.

Dai dati  emerge, inoltre, che poco meno della metà (43%) dei contratti attivati con l’esonero contributivo  sono  stabilizzazioni di lavoratori all’interno della medesima impresa presso la quale già erano occupati con altre forme contrattuali, mentre nel 57% dei casi riguardano assunzioni di lavoratori esterni all’impresa. Inoltre, l80% dei contratti attivati con l’esonero risulta realizzato da imprese nuove o comunque in crescita.  A giocare un forte ruolo nella stabilizzazione anche le nuove norme sul lavoro, con la progressiva applicazione dei contratti a tutele crescenti a tutti i lavoratori con contratti a tempo indeterminato. Lo si vede se si considerano i dati delle assunzioni con contratti a tempo indeterminato nelle imprese tra i 15 e i 19 dipendenti (dove il contratto a tutele crescenti ha modificato profondamente il regime dei licenziamenti), cresciute del 51%.

Il 2015 è stato l’anno di entrata a regime dei sussidi di disoccupazione come la Naspi. Più di 1,5 milioni di persone  hanno fruito di questo trattamento. Il passaggio da Aspi a Naspi ha allungato la durata media teorica delle prestazioni dei sussidi di disoccupazione di oltre tre mesi, passando da 7,1 a 10,5. Dal rapporto emerge poi come poco meno di sei milioni di pensionati Inps hanno un assegno mensile inferiore a mille euro. Tra gli oltre 15,7 milioni di pensionati, il 10,8% (1,7 milioni) percepisce meno di 500 euro e il 27,2% (4,3 milioni) tra 500 e mille euro. Mentre poco più di 1 milione di pensionati ha un assegno mensile da 3mila euro in su (il 6,5%). Su tale aspetto il Presidente Boeri ha poi evidenziato come nel 2015 la spesa pensionistica complessiva sia aumentata di oltre 4 miliardi di euro a fronte di una crescita delle entrate contributive dell'1,54%. In particolare la spesa per pensioni della gestione privata è cresciuta del 2,20%, quella della gestione pubblica del 3,77%.

Tags:
museiesercizi pubblici
in evidenza
Paragone, picconate a Burioni "Ti ho denunciato e...". VIDEO

Politica

Paragone, picconate a Burioni
"Ti ho denunciato e...". VIDEO

i più visti
in vetrina
Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità

Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità


casa, immobiliare
motori
Stellantis: tornano gli incentivi statali per i veicoli commerciali leggeri

Stellantis: tornano gli incentivi statali per i veicoli commerciali leggeri


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.