A- A+
Lavoro
Nasce "ELAN - The Executive Circle" e lancia Benchmark Age Diversity

Con un’energia e un dinamismo degni del suo nome, che in francese significa “slancio”, nasce ELAN - The Executive Circle, società del gruppo GSO Company (specializzata in consulenza per servizi di Executive Search, valorizzazione del Capitale Umano e Sviluppo Organizzativo). Opera sui mercati nazionali e internazionali, come punto di riferimento nell’Executive HR Consulting.

ELAN offre servizi di Valutazione e Sviluppo, Search&Selection e Coaching per gli Executive e l’Alta Direzione, supporta gruppi e persone nei processi di cambiamento, strategia e innovazione, assicura eccellenza professionale e tensione all’innovazione. A livello internazionale è Partner di INAC Global, network globale di Executive Search, presente in 45 Paesi al mondo con oltre 80 uffici e che, da oltre 20 anni, aiuta i clienti a individuare i migliori Manager e Leader, grazie a un eccellente know-how locale e The Forton Group (con cui ELAN ha avviato la Leadership Coaching School), società specializzata in Leadership Coaching, che progetta e gestisce programmi di leadership riconosciuti dall’International Coaching Federation (ICF).

La squadra di ELAN è composta da oltre 25 professionisti e specializzata nei settori Life Science, Food&Beverage, Retail&GDO, FMCG, Industrial, Energy&Utilities, Luxury&Fashion, Banking, Insurance&Professional Services, Broadcast&Online Media, Information Technology, Digital&Telecommunication. Alla guida della società c’è Barbara Targa, con una lunga e rilevante esperienza nel campo delle Risorse Umane, maturata presso aziende di primo piano come ELAN International, Intermedia Selection e Key2People Srl.

ELAN ha sede a Milano, Padova, Verona e Roma. ELAN è una realtà nuova nel mercato dell’Executive HR Consulting - afferma Barbara Targa - e basa la sua distinzione su approcci, metodologie e strumenti, che puntano all’integrazione dei servizi della nostra offerta in chiave fortemente ‘customizzata’. L’osservazione costante del mercato e delle sue dinamiche e la solida esperienza nello Human Capital, sono gli elementi fondamentali che ci spingono a una costante ricerca, innovazione e miglioramento”. “Per ogni progetto -prosegue la managing director di ELAN - il nostro obiettivo è comprendere pienamente i ‘perché’ (e non soltanto i ‘cosa’ e i ‘come’) dei fabbisogni del cliente, offrendo soluzioni innovative, volte a instaurare una relazione di lunga durata e di partnership”.

La continua trasformazione tecnologica e professionale, con le conseguenti minacce a livello di obsolescenza dei know how, il confronto non facile con i “nativi digitali” per diversità di linguaggi, la motivazione in crisi per la normativa sulle pensioni e il prolungamento forzoso della vita lavorativa. Sono questi i principali problemi che si trovano a fronteggiare gli over 55, nel contesto dell’industria 4.0 che, secondo l’attuale sistema pensionistico, sono destinati a rimanere in azienda altri 10-12 anni. Gli under 30, invece, sono alle prese con il desiderio di stabilità, la preoccupazione di mantenere il proprio posto di lavoro dopo l’assunzione e aspettative di carriera talvolta eccessive rispetto a quelle realmente offerte e prospettate dall’impresa che li impiega.

È quanto emerge dalla ricerca qualitativa “Benchmark Age Diversity, come valorizzare e far convivere in azienda gli over 55 e gli under 30”, condotta dal Gruppo GSO Company, specializzato nella consulenza per la valorizzazione del Capitale Umano e lo Sviluppo Organizzativo, e sintetizzata e presentata da ELAN - The Executive Circle (società del gruppo GSO Company), dedicata alla consulenza per servizi di Executive Search, valorizzazione del Capitale Umano e Sviluppo Organizzativo).

L’indagine, curata da Renato Boccalari, Senior Advisor di GSO Company e realizzata con interviste presso un panel di 14 aziende (a2a, Astrazeneca, ATM, Autoguidovie, Barilla, Deutsche Bank, LVMH, Pirelli, Praxair, Prysmian, Sanofi, Save the Children, Sogei e Vodafone) si è focalizzata sugli effetti dell’allungamento della vita lavorativa sulle diverse popolazioni aziendali, con l’obiettivo di comprendere con quali urgenze, orizzonte temporale e prassi emergenti le imprese pensano di affrontare il tema dell’Age Diversity.

Una tematica considerata molto critica dal 58% delle aziende interpellate, soprattutto per ciò che concerne gli over 55 che, pur dimostrando in maggioranza (2 su 3) flessibilità, capacità di affrontare il cambiamento e predisposizione a instaurare una costruttiva convivenza con i profili junior, denotano, in percentuali minori, mancanza di disponibilità agli spostamenti territoriali e ai mutamenti di ruolo (31%), timore per la competizione dei più giovani (21%) e per la perdita del know how acquisito durante il proprio percorso professionale (22%).

Gli under 30, che in minima parte (10%) avvertono la difficoltà di collocarsi sui mercati esteri, accusano il peso di aspirazioni di carriera eccessive rispetto a quelle offerte loro dall’azienda (35% con la punta del 78% per la categoria dei professional) e concentrano le principali preoccupazioni (45%) sulla capacità di mantenimento del posto di lavoro, dopo l’assunzione.

Dalla survey emerge come finora le aziende abbiano affrontato il problema della diversità d’età delle popolazioni aziendali con un approccio più orientato verso l’impresa (“organization driven”), che verso la persona (“people driven”, con la considerazione dei problemi e delle peculiarità di ogni singolo individuo). Si intravede, tuttavia, l’alba di un metodo integrato per l’Age Diversity che sappia valorizzare adeguatamente l’esperienza e le capacità degli over 55 e degli under 30, permettendo a entrambi di collaborare e crescere in un ambiente sereno e stimolante.

ELAN - The Executive Circle suggerisce un percorso di interventi per gli over 55 basati su Mentoring ed Executive Coaching. “Il Mentoring è una leva strategica per la competitività aziendale, in quanto accelera la diffusione della cultura organizzativa, di modelli di leadership efficaci e sostiene i processi di apprendimento” spiega la Managing Director Barbara Targa. “ELAN supporta le Organizzazioni nella scelta e nella preparazione di mentor capaci di porsi in termini di guida, sostegno e accelerazione. Aiutiamo le aziende a definire, strutturare e seguire percorsi di apprendimento guidati, dedicati al mentor e al mentee. Con un team di professionisti esperti sosteniamo la funzione HR nella gestione delle fasi più delicate del processo, con l’elaborazione di un mentoring kit per gli attori coinvolti”.

Quanto all’Executive Coaching, “l’Employability è considerata una risposta importante ai cambiamenti organizzativi che si verificano nei contesti lavorativi e una modalità, per i lavoratori senior, di affrontare in modo costruttivo e aperto il cambiamento e le diverse sfide professionali. Il riconoscimento dei propri fattori motivanti e di autoefficacia, l’analisi e valorizzazione dell’identità professionale e delle proprie capacità diventano propedeutiche a implementare un piano di sviluppo personale che permetta di definire e costruire nuove opportunità, all’interno della propria organizzazione e fuori, agendo sulle capacità relazionali e sui comportamenti”.

 

Barbara Targa copiaBarbara Targa
 
Tags:
elan - the executive circle e lancia benchmark age diversity
in evidenza
Carolina Stramare va in gol L'ex Miss Italia sfida Diletta

Calcio e tv... bollente

Carolina Stramare va in gol
L'ex Miss Italia sfida Diletta

i più visti
in vetrina
Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità

Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità


casa, immobiliare
motori
Renault: restyling per Megane berlina ora disponibile anche Plug-in Hybrid

Renault: restyling per Megane berlina ora disponibile anche Plug-in Hybrid


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.