A- A+
Libri & Editori
Zerocalcare racconta la sua resistenza: dal cinema all'Afghanistan ai fumetti

''Ho un passato di 'booktrailerista', una dozzina di anni fa li preparavo per i miei libri, da 'Profezia dell'Armadillo' a 'Dimentica il mio nome'. I primi tentativi di cartoni animati li ho fatti così''.

Così a Repubblica Michele Rech in arte Zerocalcare, presidente di giuria di 'Bookciak, Azione!', premio riservato ai corti ispirati a romanzi e graphic novel realizzati da giovani, evento di pre-apertura delle Giornate degli Autori alla Mostra di Venezia, il 31 agosto.

Questo premio, aggiunge, ''è in sintonia con quel che ritengo giusto fare rispetto al mondo della letteratura: valorizza le esperienze di nicchia, mette insieme audiovisivo e letteratura, porta giovani sul palco di Venezia''.

Ad averlo colpito, racconta Zerocalcare, ''è anzitutto l'inventiva del linguaggio, sviluppi per nulla aderenti al testo, che richiamano lo spirito del libro con trovate originali e piene di idee. C'è un tema comune forte, l'idea delle resistenze. Mentre parliamo sto inchiostrando delle tavole che riguardano i viaggi che ho fatto in Iraq un paio di mesi fa, gli incontri con i partigiani e le partigiane. In questo momento, per me la resistenza è quella: persone che rischiano la vita per affermare un concetto di società più giusta ed equa. Nel piccolo del mio mestiere resistenza è cercare di tenere dei paletti culturali, malgrado ci siano posizioni considerate in certi momenti impopolari, che possono provocare piccole tempeste, piccole gogne o incompatibilità di posti in cui uno lavora. Penso che si debba tenere il punto in maniera pacata, restare fedeli a certi paletti''.

Il fumettista prosegue parlando della resistenza delle donne in Afghanistan: ''È una delle questioni - afferma - In Afghanistan non usciamo da due posizioni: che bisognava andare via perché gli americani e la Nato non hanno fatto niente, o che non bisognava andare via perché abbiamo lasciato il Paese ai talebani. Ciò di cui si parla troppo poco è: quali forze di resistenza interne al territorio in questi anni avremmo dovuto sostenere? Massoud è il nome su cui si concentrano tutti, perché è la controparte dei talebani sul fronte miliare nel Panshir.

Ma ci sono altre forze che meriterebbero più attenzione. Penso a Rawa, l'associazione delle donne rivoluzionarie in Afghanistan. Clandestine durante i talebani, sono uscite allo scoperto negli ultimi vent'anni, anche se con una posizione critica sull'occupazione americana, non era una soluzione che stava portando a una democrazia stabile in Afghanistan. Ora sono rientrate in clandestinità. Penso che vadano aiutate le forze sul territorio riconosciute, che conoscono tradizioni e società. Potremmo discutere di questo, non di andare a tirare le bombe.

La galassia delle combattenti curde ha subito espresso forte vicinanza alle donne afghane, che erano state le prime a manifestare per il Rojava, quando la Turchia ha invaso il nord della Siria. Tra i curdi ora il timore è il ruolo sempre più forte della Turchia nello scenario mediorientale. Un ruolo che viene usato per attaccare i curdi all'interno: mentre il mondo guarda all'Afghanistan ci sono stati bombardamenti e omicidi mirati nel Nord della Siria e in Iraq per spazzare via l'opposizione e i quadri curdi''.

L'artista parla poi dell'esperienza in Kurdistan con 'Kobane calling': ''Sono cresciuto con una bussola di valori, ma nessun modello di stato reale che li incarnasse. In Siria e Iraq, luoghi in teoria lontani da ciò che associamo a diritti e emancipazione, ho trovato un modello di società che incarna i miei valori. Questo mi ha dato un orizzonte: la possibilità di pensare che vale la pena scommettere su qualcosa.

Quanto al rapporto con il cinema, è fondamentale. Film e concerti mi sono mancati moltissimo. La cosa che voglio fare insieme a chi voglio bene è andare al cinema, mi ha accompagnato per tutta la vita. Fra gli autori, Mattia Torre è stata la cosa migliore prodotta in questo Paese negli ultimi decenni, una perdita gigantesca. Ken Loach fa un bel cinema di resistenza. Non ha la leggerezza che cerco di mettere nei fumetti, ma nel trasmettere al pubblico contenuti, anche radicali è ineguagliabile''.

Riguardo la serie in preparazione 'Strappare lungo i bordi', dice di essere ''un maniaco del controllo e il cinema è un lavoro collettivo. Un film disegnato mi piace, faccio le prove con la serie per capire come funziona questo mondo, magari scopro che non sono capace''.

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    zerocalcareveneziamostra del cinema
    in evidenza
    Ciclone al Sud, sole al Nord Il meteo divide l'Italia in due

    Come sarà il weekend

    Ciclone al Sud, sole al Nord
    Il meteo divide l'Italia in due

    i più visti
    in vetrina
    Ferrovie dello Stato, al via un nuovo modello per cantieri più sostenibili

    Ferrovie dello Stato, al via un nuovo modello per cantieri più sostenibili


    casa, immobiliare
    motori
    Pirelli: viaggiare sicuri e in regola d’inverno

    Pirelli: viaggiare sicuri e in regola d’inverno


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.