A- A+
Marketing
AdBlocking, pop-up e abbonamenti: tutti contro i software anti-spot

Siamo “alla ricerca di soluzioni tecniche” che risolvano il problema AdBocking. Parola di Mark Thompson, ceo del New York Times. Al momento non c'è nessun dettaglio, ma le parole del manager sono chiare: “L'informazione di qualità costa e deve nutrirsi di pubblicità”. L'equazione, nelle parole di Thompson, è facile: i software pesano a tal punto sui bilanci dell'informazione digitale che inficiano (quando c'è) la qualità.

I software che bloccano la pubblicità sono un cruccio per i giornali on line. Il New York Times è solo l'ultimo ad aver svelato la possibilità di contromisure. Il tema è relativamente nuovo, tanto che le soluzioni sperimentate fino a ora sono diverse.

Il Washington Post ha provato la strada della richiesta: un pop-up che invita gli utenti del sito a disabilitare l'AdBlocking. Più brusco Axel Springer. L'editore della Bild proibisce la lettura a chi ha in funzione il software anti-pubblicità. Le alternative sono due: disattivarlo oppure abbonarsi al giornale pagando una quota mensile.

Quello dell'AdBlocking è un problema recente ma in crescita esponenziale. L'impatto sulla pubblicità on line era di 7,2 miliardi nel 2013. Oggi è già a 21,8 e nel 2016 raddoppierà. Un fiume di introiti persi per un settore in cerca di profitti.   

Iscriviti alla newsletter
Tags:
adblockingnew york timespubblicità
in vetrina
Agiter Investigazioni, come funzionano le indagini private e aziendali

Agiter Investigazioni, come funzionano le indagini private e aziendali

i più visti
motori
Nuova KIA EV6: arriva in Italia la rivoluzione elettrica coreana

Nuova KIA EV6: arriva in Italia la rivoluzione elettrica coreana


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.