A- A+
Marketing
Wwworkers, la mappa del (RE) made in Italy

A Verona c’è un’impresa al femminile che produce abiti e accessori partendo dalle eccedenze di tessuti e dà lavoro a persone svantaggiate: ex detenute, persone con invalidità o che escono da dipendenze. Nata nel 2013, oggi fattura 2 milioni di euro anche grazie all’e-commerce.

L’impresa sociale di Progetto Quid, premiata alla Camera dei Deputati come Best Wwworkers 2018, è un esempio di (RE)made in Italy: il made in Italy accelerato dalle nuove tecnologie, dai social media, dalla rete. Il made in Italy ripensato dai wwworkers: piccoli imprenditori, artigiani, contadini digitali che unendo competenza, ricerca, tradizione e innovazione, stanno reinterpretando mestieri tradizionali in chiave 2.0. Storie di un’Italia che innova, nonostante il Digital Economy and Society Index (DESI) elaborato dalla Commissione Europea collochi nel 2017 il Bel Paese al 25° posto su 28 in Europa.

Dopo le tappe territoriali di Napoli, Torino e Firenze, questi piccoli imprenditori si sono riuniti venerdì 14 dicembre, per il quarto anno consecutivo, alla Camera dei Deputati per il Wwworkers Camp, promosso dalla job community Wwworkers.it, in collaborazione con l'Intergruppo Parlamentare Innovazione, con il sostegno di Google, eBay, Edison, Mytaxi e la media partnership di Rainews24. Per fare il punto sulle nuove tendenze del mondo del lavoro e per confrontarsi con la classe politica sugli strumenti necessari per incentivare l’economia digitale e il lavoro. Focus sul (RE)made in Italy, ovvero sul made in Italy che nasce dalla tradizione ma sa migliorarsi con le nuove tecnologie.

La mappa del (RE)made in Italy

Dopo aver proposto negli anni passati le 10 azioni per far avanzare l’economia digitale in Italia e averne raccontato i worktrends, ventisette wwworkers hanno mostrato in sette punti alla Camera dei Deputati la mappa del (RE)made in Italy: 1) L'eccellenza italiana nel mondo: design, artigianato, making, art 2) Puntare al top: il made in Italy connesso che vende nel mondo 3) Hi-tech italiano: intelligenza artificiale, cloud, app, IoT 4) Le nuove Italie: le imprese dei wwworkers dell'altro mondo 5) Capitale umano digitale: la riattrazione dei talenti nei prodotti e servizi 6) Smart city, home, food, life, green: imprese del futuro 7) Nuovi modelli di imprese: cooperative, ibride, comunitarie, connesse. Sette punti che raccontano come piccoli imprenditori, artigiani e contadini digitali stanno innovando e accelerando il made in Italy grazie alle nuove tecnologie e alla rete.

Storie raccontate anche nel nuovo libro “G-Factor” (Egea) presentato da Diego Ciulli (Google Italy): a vent’anni dalla nascita di Google, un viaggio nell’Italia delle imprese connesse e del digitale che abilita esperienze, progetti, comunità, filiere.

Commenti
    Tags:
    wwworkers(re) made in italy
    in vetrina
    Simest, la qualità a supporto della competitività delle esportazioni italiane

    Simest, la qualità a supporto della competitività delle esportazioni italiane

    i più visti
    motori
    Nissan Ariya protagonista nella conquista dei due Poli

    Nissan Ariya protagonista nella conquista dei due Poli


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.