A- A+
MediaTech
App, Privacy: bocciate Snapchat e Skype. Promosse WhatsApp e Facetime

Snapchat e Skype sono tra le app che non tutelano la privacy degli utenti.

Una violazione che, secondo un'accusa di Amnesty International, mette a rischio i diritti umani. Vanno meglio le cose per le applicazioni di Facebook (Messenger e WhatsApp) e Apple (iMessage e Facetime). La ong ha stilato una classifica della privacy tra le 11 aziende produttrici delle più popolari applicazioni di messaggistica. “Chi pensa che i servizi di messaggistica istantanea siano privati, si sbaglia di grosso - ha dichiarato Sherif Elsayed-Ali, direttore del programma Tecnologia e diritti umani di Amnesty International - le nostre comunicazioni sono sotto la costante minaccia della cyber-criminalità e dello spionaggio di stato. Milioni di persone stanno usando app di messaggistica che negano persino la minima protezione della privacy”.

L'ultima posizione spetta a Tencent (con zero punti su 100), risultando quella che fa di meno per proteggere la privacy nella messaggistica e anche quella meno trasparente. E' seguita da Blackberry e Snapchat, rispettivamente con 20 e 26 punti. Nonostante il suo dichiarato forte impegno in favore dei diritti umani - rileva Amnesty - Microsoft si ferma a 40 punti a causa di un debole sistema di crittografia. Nessuna di queste quattro aziende inoltre mette a disposizione un servizio di crittografia end-to-end per le comunicazioni degli utenti.

Anche Snapchat, l'azienda statunitense che ha oltre 100 milioni di utenti quotidiani, raggiunge un punteggio basso: “Pur avendo dichiarato un forte impegno per la privacy, non protegge abbastanza quella dei suoi utenti - si legge nel dossier Amnesty - non ha un sistema di crittografia end-to-end e non è trasparente nell'informare i suoi utenti sulle minacce ai loro diritti umani o sull'uso della crittografia”. In testa alla classifica troviamo invece Facebook e Apple.

Nessuna azienda garantisce una privacy impenetrabile ma Facebook - le cui applicazioni Messenger e WhatsApp raggiungono insieme due miliardi di utenti - ottiene il punteggio più alto, 73 su 100. Delle 11 aziende valutate, è quella che usa maggiormente la crittografia d è la più trasparente. Tuttavia, nonostante preveda l'opzione della crittografia end-to-end nella modalità "conversazione segreta", l'applicazione Messenger di Facebook utilizza una forma piu' blanda di crittografia, col risultato che Fb ha accesso a tutti i dati. WhatsApp prevede la crittografia end-to-end di default e spicca per la chiarezza delle informazioni sulla privacy fornite ai suoi utenti.

Apple si colloca a 67 punti su 100: usa la crittografia end-to-end in tutte le comunicazioni delle sue app iMessage e Facetime ma "dovrebbe fare di piu' per informare gli utenti che i loro messaggi via sms sono meno sicuri di quelli inviati tramite iMessage e dovrebbe adottare un protocollo di crittografia piu' aperto per consentire complete verifiche indipendenti". La 'classifica della privacy nei messaggi' valuta le aziende su una scala di punteggio da 1 a 100 rispetto a cinque parametri: riconoscere le minacce online alla privacy e alla liberta' d'espressione dei loro utenti; prevedere di default la crittografia end-to-end; informare sulle minacce ai diritti e sul livello di crittografia impiegato; rendere noti i dettagli sulle richieste ricevute dai governi di conoscere i dati degli utenti e su come esse hanno risposto; pubblicare informazioni tecniche sui sistemi di crittografia impiegati.  

Tags:
appprivacysnapchatskypeamnestywhatsappfacetime
Loading...
in vetrina
ELISABETTA CANALIS NUDA IN PISCINA: "FREEDOM". Le foto delle Vip

ELISABETTA CANALIS NUDA IN PISCINA: "FREEDOM". Le foto delle Vip

i più visti
in evidenza
Gregoraci, bacio col bel Pierpaolo La piscina è bollente. Foto-Video

GRANDE FRATELLO VIP 5 NEWS, SQUALIFICA E NOMINATION

Gregoraci, bacio col bel Pierpaolo
La piscina è bollente. Foto-Video


Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Nuova Opel Mokka prezzi a partire da 22.200 Euro in Italia

Nuova Opel Mokka prezzi a partire da 22.200 Euro in Italia


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.