A- A+
MediaTech
Apple E3 (21)

Per Denise Cote, giudice distrettuale del Tribunale di New York, la Apple è colpevole di aver "tramato" con alcune case editrici statunitensi un rialzo dei prezzi degli e-book e sulla vendita di libri online. Più nel dettaglio, secondo la sentenza, la Apple, in violazione delle leggi antitrust Usa, ha macchinato l'aumento dei prezzi in collusione con 5 editori fin dal 2009 e cioe' fin da quando stava per lanciare sul mercato l'iPad.

La sentenza stabilisce che la Apple "ha facilitato e incoraggiato gli editori sotto accusa per aver illegalmente limitato il commercio di libri". La Cole ha anche ordinato una nuova udienza per stabilire i danni. Solo Apple e' finita sotto processo, mentre le case editrici Hachette e McMillan del gruppo Lagardere, HarperCollins di News Corp, Penguin e Simon & Schuster hanno patteggiato col dipartimento Usa ala Giustizia.

Tags:
appleebookcomputer
in evidenza
Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

Esportazioni

Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

i più visti
in vetrina
Scatti d'Affari Air France-KLM, firmata partnership commerciale strategica di 10 anni

Scatti d'Affari
Air France-KLM, firmata partnership commerciale strategica di 10 anni


casa, immobiliare
motori
Al Villa D’Este debutta la Mostro Barchetta Zagato Powered by Maserati

Al Villa D’Este debutta la Mostro Barchetta Zagato Powered by Maserati


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.