A- A+
MediaTech
Una tassa agli operatori pubblicitari per sostenere l’editoria

Contro la crisi dell’editoria potrebbero arrivare aiuti economici anche da concessionarie e centri media. E’ stato approvato oggi dalla Camera, infatti, un emendamento alla riforma dell’editoria presentato da Sel, in base al quale il Fondo per il pluralismo e l’innovazione dell’informazione sarà alimentato anche da un contributo di solidarietà a carico delle concessionarie pubblicitarie, pari allo 0,1% del loro reddito di impresa. Come spiega engage.it, tale contributo di solidarietà dovrà essere pagato non solo dalle concessionarie che raccolgono pubblicità “sulla stampa quotidiana e periodica, sui mezzi di comunicazione radiotelevisivi e digitali”, ma, secondo quanto recita il testo dell’emendamento, anche dai “soggetti che esercitano l’attività di intermediazione nel mercato della pubblicità attraverso la ricerca e l’acquisto, per conto terzi, di spazi sui mezzi di informazione e di comunicazione con riferimento a tutti i tipi di piattaforme trasmissive comprese le reti elettriche”. Ossia le centrali media. Nel calderone delle società chiamate a versare il contributo per l’editoria, non ci saranno solo i gruppi italiani, ma anche colossi internazionali come Amazon, Apple e Google. E proprio con evidente riferimento a loro, rispetto a una prima versione dell’emendamento, il testo è stato successivamente “aggiustato” precisando che il prelievo dello 0,1% non sarà calcolato sui ricavi, bensì sul fatturato.

Editoria: primo si' a riforma contributi e al Fondo - Un fondo per il pluralismo e l'innovazione dell'informazione e deleghe al governo per la ridefinizione della disciplina del sostegno pubblico per il settore dell'editoria, della disciplina di profili pensionistici dei giornalisti e della composizione e delle competenze del Consiglio nazionale dell'Ordine dei giornalisti. Sono i contenuti principali della proposta di legge approvata oggi in prima lettura dalla Camera dei Deputati, che passera' ora all'esame del Senato.

Il Fondo per il pluralismo e l'innovazione sara' istituito presso il ministero dell'Economia e sara' 'alimentato' dalle "le risorse statali destinate alle diverse forme di sostegno all'editoria quotidiana e periodica anche digitale, comprese le risorse del Fondo straordinario per gli interventi di sostegno all'editoria", dalle "risorse statali destinate all'emittenza radiofonica e televisiva in ambito locale", da "una quota, fino ad un importo massimo di 100 milioni di euro in ragione d'anno, delle eventuali maggiori entrate versate a titolo di canone di abbonamento alla televisione", dal gettito derivante da un contributo di solidarieta' dello 0,1% a carico dei redditi del mondo della raccolta pubblicitaria.

Il testo approvato da Montecitorio delega poi il Governo a ridefinire la disciplina dei contributi diretti alle imprese editrici di quotidiani e periodici, dalla quale saranno esclusi "gli organi di informazione di partiti, movimenti politici e sindacali, periodici specialistici a carattere tecnico, aziendale, professionale o scientifico" e "tutte le imprese editrici di quotidiani e periodici facenti capo a gruppi editoriali quotati o partecipati da societa' quotate in Borsa". Ai contributi potranno dunque accedere "le imprese editrici che esercitano unicamente l'attivita' informativa autonoma e indipendente, di carattere generale", costituite "come cooperative giornalistiche", "come enti senza fini di lucro", o, ma "per un periodo di tre anni" dalla data di entrata in vigore della legge, "come imprese editrici di quotidiani e periodici la maggioranza del cui capitale sia detenuta da cooperative, fondazioni o enti morali non aventi fini di lucro".

Manterranno l'accesso al finanziamento, "con la possibilita' di definire criteri specifici inerenti sia ai requisiti di accesso, sia ai meccanismi di calcolo dei contributi", le testate espressione delle minoranze linguistiche, "le imprese e gli enti che editano periodici per non vedenti e per ipovedenti, prodotti con caratteri tipografici normali o braille", le associazioni di consumatori e le imprese editrici di quotidiani e periodici in lingua italiana diffusi all'estero.

La delega al governo stabilisce anche i requisiti per accedere ai contributi: la riduzione a due anni dell'anzianita' di costituzione dell'impresa editoriale e di edizione della testata; l'adempimento degli obblighi del rispetto dei contratti di lavoro; l'edizione in formato digitale "dinamico e multimediale della testata"; "l'obbligo di dare evidenza del contributo ottenuto e di tutti gli ulteriori finanziamenti ricevuti a qualunque titolo".

A proposito poi dei criteri di calcolo del contributo, la delega prescrive che si dovra' giungere al "superamento della distinzione tra testata nazionale e locale" graduando il contributo "in considerazione del numero di copie annue vendute che dovranno essere comunque almeno il 30% di quelle distribuite"; mentre per le testate on line si terra' conto dei "contenuti informativi originali", del "numero dei giornalisti, dell'aggiornamento dei contenuti e del numero effettivo di utenti unici raggiunti". Previsti anche "criteri premiali per l'assunzione a tempo indeterminato di lavoratori di eta' inferiore ai 35 anni e per azioni di formazione e aggiornamento del personale" e la "introduzione di incentivi agli investimenti in innovazione digitale dinamica e multimediale, anche attraverso la previsione di modalita' volte a favorire investimenti strutturali in piattaforme digitali avanzate, comuni a piu' imprese editrici, autonome e indipendenti".

Il governo viene delegato anche sulle nuove regole per la rete di distribuzione, per la progressiva equiparazione delle norme sui prepensionamenti dei giornalisti alla normativa generale e per la revisione della composizione e delle competenze dell'Ordine dei giornalisti, che non potra' essere composto da piu' di 36 consiglieri.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
editoriafondo
in evidenza
La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

Corporate - Il giornale delle imprese

La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

i più visti
in vetrina
Luce e Gas, passaggio al Mercato Libero. Abbassalebollette fa chiarezza

Luce e Gas, passaggio al Mercato Libero. Abbassalebollette fa chiarezza


casa, immobiliare
motori
Mercedes, approvato piano al 2026 con investimenti da 60 MLD

Mercedes, approvato piano al 2026 con investimenti da 60 MLD


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.