A- A+
MediaTech
Angelucci condannato nel processo sui finanziamenti pubblici ai giornali
Antonio Angelucci

Il deputato del Pdl Antonio Angelucci e' stato condannato dal tribunale monocratico di Roma a un anno e 4 mesi di reclusione, oltre al pagamento di 600 euro, a conclusione del processo sui finanziamenti pubblici percepiti (e in parte bloccati) dai quotidiani 'Libero' e 'il Riformista' negli anni passati. Assieme all'imprenditore, per il quale il pm Francesco Dall'Olio aveva sollecitato 4 anni di carcere, sono stati condannati a un anno (piu' 500 euro di multa) i rappresentanti legali delle due societa', Arnaldo Rossi e Roberto Crespi, rispettivamente dell''Editoriale Libero' e di 'Edizione Riformiste'. Truffa tentata (dal 2008 al 2011) per il conseguimento delle erogazioni pubbliche e falso erano i reati contestati dalla Procura, mentre per intervenuta prescrizione e' stato dichiarato il 'non doversi procedere' in ordine al reato di truffa consumata, riferita agli anni 2006 e 2007. Ai tre imputati, cui sono state concesse le attenuanti generiche, e' stato riconosciuto il beneficio della sospensione condizionale della pena. Il tribunale ha anche previsto un risarcimento dei danni da liquidarsi in sede civile in favore della Presidenza del Consiglio (costituitasi parte civile) e il pagamento di una provvisionale pari a 100mila euro. Per questa vicenda, nel giugno del 2013, la Guardia di Finanza esegui' un sequestro preventivo di 20 milioni di euro nei confronti delle due societa' editrici che, stando all'ipotesi accusatoria, avevano dichiarato di appartenere a proprietari diversi per aggirare la norma che impedisce all'editore di piu' testate di richiedere distinti contributi pubblici. 

 

Editoria: difensore Angelucci, sua condanna e' ingiusta

 

"L'onorevole Angelucci non ha commesso i reati per i quali oggi e' stato ingiustamente condannato". Lo sostiene il suo difensore, l'avvocato Pasquale Bartolo, commentando con una nota la condanna del deputato del Pdl a un anno e quattro mesi di reclusione nel processo sui finanziamenti percepiti dai quotidiani 'Libero' e 'il Riformista' negli anni passati. "Nel ribadire la fiducia di Angelucci nella magistratura", il penalista fa sapere di "essere sicuro che in appello il suo assistito non potra' che essere assolto". Quanto ai sequestri a suo tempo disposti dall'autorita' giudiziaria, l'avvocato Bartolo ricorda che "sono stati gia' revocati". 

Tags:
antonio angelucci condannatocondannato antonio angelucci
in evidenza
"Rido con Zalone, amo gli horror Only Fun? Sarà sorprendente..."

Elettra Lamborghini ad Affari

"Rido con Zalone, amo gli horror
Only Fun? Sarà sorprendente..."

i più visti
in vetrina
Pnrr e opportunità per le Pmi CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri

Pnrr e opportunità per le Pmi
CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri


casa, immobiliare
motori
Ford apre gli ordini per il Ranger Raptor di nuova generazione

Ford apre gli ordini per il Ranger Raptor di nuova generazione


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.