A- A+
MediaTech
"La poeta" di Paola De Carolis

Da tempo è in atto nel mondo ed in Italia in particolare la smania di deformare e storpiare le parole per proiettare quella che è a tutti gli effetti una “violenza di genere”.

La moda, dicevamo, è sotto tutti gli occhi di tutti: dalle terribili parole “sindachessa” “deputatessa” etc care alla Boldrini fino alla violenza sui sintagmi vera e propria.

L’ultima si può ritrovare sul Corriere di oggi in un articolo di Paola De Carolis invero abbastanza nota per provocazioni femministe estremali che utilizza in un articolo in cui cerca di dimostrare inutilmente che la poetessa (peraltro in cura psichiatrica) Sylvia Plath sia stata indotta al suicidio dall’ ex marito e famoso scrittore Ted Hughes tesi peraltro sconfessata da quella che fu la nuova moglie dello scrittore e cioè Carol Hughes.

Ebbene la De Carolis non trova di meglio che scrivere “La poeta” per indicarla.

A noi risulta che “poeta” sia ancora un termine singolare maschile e che l’equivalente femminile sia “poetessa”.

Cosa chiara a tutti ma non a chi utilizza le parole in chiave sessista per piegarle al suo uso personale e rilasciare una dose di veleno anche in un dibattito culturale.

 

Tags:
paola de carolissylvia plathted hughes
in evidenza
Fedez e J-Ax, pace fatta "Un regalo per Milano e..."

La riconciliazione

Fedez e J-Ax, pace fatta
"Un regalo per Milano e..."

i più visti
in vetrina
Simest, la qualità a supporto della competitività delle esportazioni italiane

Simest, la qualità a supporto della competitività delle esportazioni italiane


casa, immobiliare
motori
Mercedes-AMG è la musa ispiratrice del progetto di arte digitale NFT

Mercedes-AMG è la musa ispiratrice del progetto di arte digitale NFT


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.