A- A+
MediaTech
"Migranti invasori", Feltri: nessuna censura sul "suo" Libero, solo un rinvio

Migranti, borseggiatrici, gender-fluid. Basta politically correct, l'Italia ha bisogno di normalità

Ieri è apparso un post particolare su “X” - ex Twitter - di Vittorio Feltri, direttore editoriale di Libero, in cui si lamentava di una censura subita. Feltri, giova ricordarlo, è il fondatore di Libero, un giornale che si è sempre distinto per la diversità di impostazione e per combattere l’esiziale politically correct - anche a colpi di titoli incandescenti - che sta devastando l’Occidente.

Per la cronaca Sallusti – direttore editoriale - è tornato a Libero nel 2021 dopo aver lasciato il Giornale ad Augusto Minzolini che da poco tempo è stato acquisito dallo stesso gruppo editoriale di Libero e cioè quello degli Angelucci che stanno dando forma ad un vero e proprio blocco informativo di centrodestra, possedendo anche il Tempo.

LEGGI ANCHE: "Mi hanno censurato!". Feltri furioso con il suo stesso giornale, cosa è successo

Feltri sostiene di essere stato censurato per la prima volta in 60 anni probabilmente per aver utilizzato il termine “invasori” riferito agli emigranti, tuttavia, sempre lo stesso Feltri fa notare come lo stesso termine sia stato utilizzato contemporaneamente proprio lo stesso giorno da il Giornale. Lo “xitter”, ormai dobbiamo chiamarlo così, è molto chiaro: "Per la prima volta in 60 anni di professione giornalistica sono stato censurato, ed è accaduto nel giornale che ho fondato, Libero. Non so perché. Nessuno mi ha dato spiegazioni. Suppongo perché ho definito invasori gli emigranti, esattamente come ha fatto il Giornale oggi".

Iscriviti alla newsletter
Tags:
censurafeltriliberomigranti





in evidenza
Villa da sogno in vendita a Casalpalocco: è dell'ex portiere dell'As Roma Patricio

Ecco quanto vale l'immobile

Villa da sogno in vendita a Casalpalocco: è dell'ex portiere dell'As Roma Patricio


in vetrina
Nuovo concept per i cocktail di lusso: nel cuore di Milano Giardino Cordusio

Nuovo concept per i cocktail di lusso: nel cuore di Milano Giardino Cordusio


motori
Renault lancia la tecnologia Apache: meno rumore per strade più sicure e sostenibili

Renault lancia la tecnologia Apache: meno rumore per strade più sicure e sostenibili

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.