A- A+
MediaTech
Presto una legge pro-editori puri. Così il M5S vuole cambiare la stampa

“A breve porteremo in Parlamento una proposta di legge che incentiva gli editori puri, quelli che non hanno interessi né economici né politici”. E “grazie a questo avremo una libertà di informazione pienamente in linea con il dettato costituzionale”. Interviene dopo il flashmob organizzato dalla Fnsi il vicepremier Luigi Di Maio, in un video su Facebook.

“Vogliamo garantire la libertà di stampa con l’equo compenso”, ha aggiunto Di Maio. “Spero ne vogliano parlare con me il presidente dell’Odg, il presidente della Fnsi e le associazioni dei giovani precari che fanno battaglie importanti”.

Quanto alla polemica sugli insulti da parte di esponenti 5 Stelle, si legge su www.primaonline.it, Di Maio replica tagliando corto: “Per noi la libertà dell’informazione è sacra, ma libertà di stampa non può essere libertà di dire bugie, libertà di offendere” e “se c’è la libertà di raccontare menzogne, io ho il diritto di difendermi”.

Nel video Di Maio si rivolge anche ai precari, ai giornalisti “che tirano la carretta, quelli che in redazione scrivono articoli per tutti quanti”: “la libertà di informazione si garantisce prima di tutto migliorando le condizioni di lavoro dei giornalisti. Soprattutto i giornalisti sottopagati, al limite dello sfruttamento”. E ancora: “dobbiamo partire dagli ultimi, da quelli che scrivono due o tre pezzi al giorno, magari senza firma, giovani ma anche meno giovani, conosco cinquantenni che guadagnano 600 euro al mese e scrivono ogni giorno a fronte di chi guadagna 100mila euro al mese e scrive una volta a settimana”.

“Dare libertà a chi scrive e potrà avere autonomia dal punto di vista economico e professionale”, ha ribadito come obiettivo del governo Di Maio, “in un giornale o una tv che avrà finalmente la sua libertà dal punto di vista degli interessi economici e politici”.

“Chi parla di pericolo di dittatura come Berlusconi”, ha concluso, “mi fa un po’ ridere, rappresenta la classe politica di un’epoca che non tornerà più e che ha epurato giornalisti come Biagi, Luttazzi e Santoro”.

Oltre a Berlusconi, per il “conflitto di interessi” e gli “editti bulgari”, Di Maio ha criticato anche “l’epoca renziana quando giornalisti come Gabanelli, Giannini, Giletti, Floris, Mercalli, Porro sono stati epurati dalla Rai: noi li abbiamo difesi nonostante non pensassero molto bene di noi”. “Giornalisti che facevano fare share alla Rai”, “mi dispiace che allora non ci siano state rivolte contro l’epurazione”. E ancora: “spero che il dg Salini possa rivalorizzare la Rai”.

Sempre oggi, sul blog dei 5 Stelle, viene pubblicato un post intitolato Il segreto di Pulcinella dell’informazione italiana, dove i 5 Stelle fanno l’elenco degli editori che, si legge, hanno “conflitti di interesse grossi come una casa, ma su cui tutti fanno finta di nulla”: Marco De Benedetti con Repubblica e la Stampa, Paolo Berlusconi con il Giornale, Francesco Gaetano Caltagirone con il Messaggero e Antonio Angelucci con Libero.

“Altre iniziative seguiranno”, affermano in una nota Federazione nazionale della Stampa italiana e il Consiglio nazionale dell’Ordine dei giornalisti.

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    di maio editori
    in evidenza
    La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

    Corporate - Il giornale delle imprese

    La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

    i più visti
    in vetrina
    Luce e Gas, passaggio al Mercato Libero. Abbassalebollette fa chiarezza

    Luce e Gas, passaggio al Mercato Libero. Abbassalebollette fa chiarezza


    casa, immobiliare
    motori
    Mercedes, approvato piano al 2026 con investimenti da 60 MLD

    Mercedes, approvato piano al 2026 con investimenti da 60 MLD


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.