A- A+
MediaTech
Rai, via Romagnoli dallo sport. Il risiko dei direttori. La conferma dalla Tv

Girano indiscrezioni da settimane nel palazzo della Rai, il cambio al vertice di alcune reti e di Rai sport viene dato per imminente o spostato a Natale. Anche l'informatissima Dagospia ha anticipato che Rai 1 e Rai 2 verranno azzerate con l'arrivo di nuovi direttori. I nomi? I soliti: Angelo Teodoli a Rai 1 ed Andrea Vianello a Rai 2. Ma nessuna conferma era arrivata finora ai rumors che impazzano nei corridoi di viale Mazzini. Solo stamattina un'autorevole fonte del cda ha annunciato ad Affaritaliani.it che "ci sono movimenti editoriali in corso".

Questo sta a dire, nel linguaggio asettico e rigoroso del dg Mario Orfeo, che saranno esplorate tutte le vie per valorizzare innanzitutto le cosiddette "risorse interne". Tutto nasce infatti dalla richiesta di Ilaria Dallatana direttore della seconda rete di lasciare il suo incarico per rientrare a Milano. A cascata Orfeo sistemerebbe la rete ammiraglia e Rai sport dove -è praticamente certo-salterà la casella di Gabriele Romagnoli. Il problema principale per il vertice Rai sono gli ascolti troppo altalenanti con serie criticità al pomeriggio. Non ci stancheremo di ripetere che il nodo della Vita in diretta non è la conduzione (impeccabile) di Francesca Fialdini e Marco Liorni, ma le (discutibili) scelte autorali.

Ora, io conosco personalmente Cristiana Mastropietro capo autore di Vid, la stimo e l'ho scritto in tempi non sospetti piu volte ma ritengo che coordinare un programma quotidiano, gestire una casa editrice (Pesci combattenti, quella di Unti e bisunti, un bijoux tanto per intenderci) e produrre trasmissioni per Rai 3 non sia semplice per qualsiasi comune mortale, anche per un genio come la Mastropietro. Spiace notare che la stessa non lo capisca: continua infatti a minimizzare la crisi di share di Vid vantandosi, intervistata da Rv blog, degli altri prodotti editoriali da lei firmati. Stile radical chic -minimizziamo le colpe parlando bene della squadra cioè puntando sull'armonia di gruppo che notoriamente non costa sforzo alcuno fatta eccezione per una certa, sia pure ipocrita diplomazia- che non funziona più quando il prodotto fa acqua dal punto di vista del riscontro auditel.

Di questo si occuperà il nuovo direttore di Rai 1 che sarà probabilmente Teodoli, uno dei piu geniali "cervelli" del palinsesto, prima a Rai 2 ed oggi a Rai premium-Rai movie (bouquet digitale). Tornando agli ascolti di ieri Tu si que vales vince la serata con il 24.8 ma Carlo Conti (Tale e quale show) riesce a portare a casa un ottimo quasi 21 per cento. Nel day time brilla Michele Guardi con Uno mattina in famiglia di Tiberio Timperi ed Ingrid Muccitelli che schizza al 22 con un milione e mezzo di teste mentre Mezzogiorno in famiglia festeggia il ritorno di una signora della tv come Adriana Volpe che, con Massimiliano Ossini totalizza quasi un milione di spettatori.

Grandissimo exploit di Verissimo su Canale 5 con il 23 e 2.589.000 teste grazie all'intervista bomba di Silvia Toffanin (bravissima) a Romina Power che dice "io e Albano ci amiamo ancora". Sabato italiano di Eleonora Daniele deve affrontare una fascia difficilissima (15/17) ma con Valeria Marini, Mariagrazia Cucinotta e Pamela Prati cioè con un gossip light ben gestito riesce a portare a casa il 10.1 con 1.257.000

Ottimo infine Petrolio su Rai 1 in seconda serata con il 10.2 pari a 752mila teste mentre non decolla, malgrado lei sia straordinaria, il Chakra di Michela Murgia che si ferma.purtroppo al 3.1 su Rai 3 con 376mila spettatori. Forza Michela, riprovaci.Ce la puoi fare. 
 

Tags:
tvprogrammi raidirezioni reti raicambio in rairai sportascolti tv
in evidenza
Giorgia Rossi-Dazn, colpo di scena Arriva la "nuova" Diletta Leotta

Colpo di tele-mercato

Giorgia Rossi-Dazn, colpo di scena
Arriva la "nuova" Diletta Leotta

i più visti
in vetrina
Come conciliare il risparmio con il rispetto dell'ambiente

Come conciliare il risparmio con il rispetto dell'ambiente


casa, immobiliare
motori
MÓ eScooter 125, il primo scooter completamente elettrico di Seat

MÓ eScooter 125, il primo scooter completamente elettrico di Seat


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.