A- A+
MediaTech
Rcs, editori vs investitori. E Rotelli fa il democristiano

Il dado è tratto. Alle 17.30 è scaduto il tempo limite per aderire alle offerte che si stanno contendendo il controllo di Rcs. Da una parte Urbano Cairo, dall'altra Andrea Bonomi e i soci storici del Corriere. Fino all'ultimo momento sono continuate le schermaglie.

I numeri - Secondo l'ultimo dato noto, l'Ops di Cairo ha toccato il 22%. Mancano 13 punti (più un'azione) per superare la soglia oltre la quale l'offerta sarà valida. Bonomi ha invece già superato il suo limite minimo (il 30%). Partendo però da un pacchetto iniziale più corposo. Tradotto: il vantaggio c'è, ma i giochi non sono chiusi, perché Cairo (che, sommando le proprie azioni con quelle di Intesa partiva dall'8,9%) ha raccolto più di Bonomi.

Editori vs Investitori - Dopo i messaggi pubblicitari e gli appelli ala Consob, la contrapposizione si è espressa sui programma, con le interviste dei due contendenti a La Repubblica. Cairo ha parlato per quello che è: un editore. Bonomi ha parlato per quello che è: in vestitore.

“Il mio stile – afferma Cairo - è di scegliere i direttori o i conduttori e dargli fiducia, non voglio interferire con la fattura di giornali o programmi”. Cairo dice di voler “tagliare i costi”, “aumentare i ricavi” e “fare sviluppo”. I lettori vogliono “giornali di maggiore qualità e pagarli di meno. La carta può recuperare lettori”. Tra i brand da rivitalizzare ci sono il Giro d'Italia (via Gazzetta) e Sette (“Può diventare un magazine di tendenza”).

Per Bonomi, invece, “meglio essere investitori di lungo periodo che editori che promettono guadagni nel breve”. “Rcs ha bisogno di una governance che funzioni, di stabilità finanziaria, di risorse significative e di efficienza nei costi e soprattutto deve concentrarsi sui suoi marchi che sono molto forti. Ciò che assolutamente non serve a Rcs è aumentare la propria esposizione ai segmenti più deboli dei periodici e della tv”. Cioè, tra gli altri, proprio Sette.

La mossa dei Rotelli - Nel dubbio, la famiglia Rotelli dà un colpo al cerchio e uno alla botte. La quota del 3,48% del capitale di Rcs che detiene sarebbe stata divisa e conferita in parti uguali all’Opas di Urbano Cairo e all’Opa di International media holding.

Lunedì il giorno decisivo - Lunedì 18 al mattino, entro le 7.59,sono attesi i risultati. Tre giorni dopo, il 21 luglio entro le 7.59, arriveranno le decisioni dei due offerenti sulle condizioni sospensive, sancendo definitivamente il vincitore.   

Iscriviti alla newsletter
Tags:
rcsurbano cairorotelliandrea bonomiops cairo
in evidenza
CDP, ospitato FiCS a Roma Gorno Tempini: “Agire come sistema unico”

Corporate - Il giornale delle imprese

CDP, ospitato FiCS a Roma
Gorno Tempini: “Agire come sistema unico”

i più visti
in vetrina
Ferrovie dello Stato, al via un nuovo modello per cantieri più sostenibili

Ferrovie dello Stato, al via un nuovo modello per cantieri più sostenibili


casa, immobiliare
motori
Look più sportivo e AMG Line di serie per la nuova Mercedes CLS

Look più sportivo e AMG Line di serie per la nuova Mercedes CLS


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.