A- A+
MediaTech
google apps

Ricordate la "generazione mille euro". E' stata ribattezzata così qulla dei giovani costretti a stipendi striminziti pur di lavorare. Una generazione che impallidisce di fronte alla strategia di Google. Il gigante di Mountain Views, da sempre attenta all'innovazione, vuole assicurarsi i migliori talenti al mondo. E per farlo paga. Molto. Se in italia lo stage è spesso gratuito, gli stagisti di Brin e Page guadagnano in media 5.800 dollari al mese, mentre quelli specializzati in software possono arrivare anche a 6.700 dollari. Lo rivela un'analisi del sito di lavoro Glassdoor. Un miraggio per i giovani italiani. Senza dimenticare che a Google i neo assunti fanno quello per cui hanno studiato: marketing, vendite, programmazione.

Con uno stage di tre mesi, il tempo minimo previsto dal gruppo, si possono portare a casa anche 20 mila dollari. Denaro che molti lavoratori americani (per non parlare di quelli italiani) vedono in un anno. "In realtà, non è così sorprendente che gli stagisti in una società come google siano pagati così profumatamente", ha dichiarato Scott Dobroski, un responsabile della comunicazione aziendale di Glassdoor a Cnn. "La guerra per accaparrarsi i talenti continua". Sempre secondo il sito, anche a Microsoft e Amazon pagano profumatamente i loro stagisti che arrivano a guadagnare tra 5.500 e i 7 mila dollari a mese.

Tags:
googlestagistiprecariatostipendi

i più visti

casa, immobiliare
motori
Ford ed Herme testano i veicoli a guida autonoma per le consegne a domicilio

Ford ed Herme testano i veicoli a guida autonoma per le consegne a domicilio


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.