A- A+
MediaTech
Tumori e malattie neurodegenerative, dall’epigenetica una speranza

Su di lui si era così espresso Ervin László, candidato due volte al premio Nobel: “Penso che la scoperta di Pier Mario Biava è una scoperta epocale che cambia la nostra concezione, non solo della medicina ma della salute, della sanità”.

“Ci tengo a sottolineare – ha riferito Stefano Ciaurelli dell’equipe di Pier Mario Biava – che il prof (riferendosi a lui) ha sempre voluto fortemente unire questi momenti divulgativi ad un lavoro solido di scienza pur concentrandosi nella ricerca per dare un futuro roseo a queste scoperte che, anche se nei dati sono straordinarie, hanno bisogno di essere rafforzate nelle pubblicazioni, nella condivisione, nella credibilità, perché cambiare un paradigma come sta facendo il prof non è facile. Mi faccio carico di tanti ricercatori che pensano che veramente quest’uomo sta cambiando il corso della Medicina. Mettiamoci affianco a lui e cerchiamo piano piano di fare questo passaggio, che domani lo dovremo a tutta l’umanità, a tutti quelli che ne hanno bisogno”.

E Pier Mario Biava ha aggiunto: “Purtroppo, bisogna che spieghiamo meglio questo concetto, cioè che difronte alle malattie complesse, in cui le lesioni sono molteplici, sia nei tumori che anche in tutta la patologia neurovegetativa che richiedono una rigenerazione tessutale, con il paradigma riduzionista farmacologico tradizionale, noi non possiamo avere risposte. Allora o i medici capiscono che bisogna cambiare in queste prospettive il paradigma scientifico e cioè che se noi vogliamo rigenerare un tessuto dobbiamo dargli esattamente, copiando dalle cellule sane, tutte le informazioni che la loro vita  utilizza per auto organizzarsi, o non otteniamo nulla. Noi abbiamo confermato tutte le scoperte del Premio Nobel prof. Yamanaka, e in più abbiamo utilizzato un approccio che permette un miglioramento notevole della terapia".

Per riprogrammare le cellule tumorali, visto che ci sono molteplici lesioni nei tumori, non basta la terapia chemio, radio e così via. Ben vengano queste terapie, che servono per distruggere, ma con queste non si può riprogrammare una cellula alterata tumorale, bisogna fornirle le sostanze opportune che il prof. Biava ha scoperto nelle sue ricerche e messo a punto in farmaci in commercio, analizzando un pesciolino, lo zebrafish. Utilizzando sofisticate tecniche, è possibile ottenere da questo pesciolino l’intero codice epigenetico in grado di riprogrammare le cellule umane e di differenziarle per rigenerare i tessuti distrutti. E questo è efficace oltre che per i tumori, anche per il Parkinson, l’Alzheimer, Sclerosi Multipla ed altre patologie.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
epigeneticamedicinatumori





in evidenza
"Io cornificata 2 volte, da Kunz e Santanchè. Sallusti con il suo amore mi ha salvato"

Patrizia Groppelli a cuore aperto su Daniela e tradimenti

"Io cornificata 2 volte, da Kunz e Santanchè. Sallusti con il suo amore mi ha salvato"


in vetrina
Un racconto sulle assurdità del nazismo: la recensione di Ferrovie del Messico

Un racconto sulle assurdità del nazismo: la recensione di Ferrovie del Messico


motori
Toyota lancia il nuovo PROACE Electric e PROACE CITY Electric

Toyota lancia il nuovo PROACE Electric e PROACE CITY Electric

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.