A- A+
MediaTech
Una parte del canone Rai alle tv locali

di Paolo Pirovano*


Le TV locali stanno vivendo il peggior periodo dalla loro storia. Chiusure, licenziamenti, cassa integrazione, contratti di solidarietà ormai sono una costante che non riguarda solo un’area geografica ma accomuna tutta l’Italia. Un dato rende preoccupante questa crisi. Gli ascolti sono in crescita ma i fatturati diminuiscono. Non è dunque una questione legata alla qualità dei contenuti o al cambiamento delle abitudini dei telespettatori. Il colpo di grazia lo ha dato il passaggio al digitale terrestre (ogni televisione locale per poter trasmettere con quel segnale e aggiornare gli impianti ha speso in media 6 milioni di euro). La congiuntura economica ha fatto il resto.

La torta della pubblicità è diventata più piccola ma i commensali sono aumentati: basta guardare il numero di canali disponibili sul Dtt per comprendere ciò di cui stiamo parlando. I tagli delle «misure a sostegno della emittenza locale» sono entrati a piedi uniti dando, in alcuni ambiti più a rischio il colpo di grazia. I ricavi pubblicitari delle tv locali, che secondo uno studio di Confindustria Radio tv, erano pari a 481 milioni di euro nel 2012, a fine 2014 sono calati a 400 milioni.

L'emittenza radiotelevisiva "areale" (senza escludere carta stampa e internet) costituisce un patrimonio del territorio in cui opera, perché interagisce con cittadini ed enti locali, dà posti di lavoro (diecimila in tutta Italia) e offre a piccoli e medi imprenditori di farsi pubblicità a costi contenuti, cosa che sarebbe impossibile sui network nazionali. 

Per rilanciare il comparto servirebbero politiche specifiche e non pannicelli caldi: interventi mirati come sgravi fiscali alle aziende del settore e, soprattutto, una decisione importante che riguarda la Rai, condivisa anche da Pierfrancesco Gallizzi, vicepresidente dell'Associazione lombarda giornalisti e consigliere nazionale della Federazione nazionale della stampa italiana: visto che la Rai continua a raccogliere pubblicità e incassa il canone (istituito con un Regio decreto del 1938) si potrebbe distribuire una percentuale di questo (a maggior ragione se riscosso con il nuovo sistema ipotizzato dal governo) alle radio e tv locali che rispondono a determinati requisiti (numero di assunti, diffusione del segnale, palinsesti e trasmissioni giornalistiche autoprodotte). Spesso queste piccole realtà, pur senza esserlo per definizione, svolgono infatti un “servizio pubblico” né più né meno della Rai. 

*Segretario nazionale dell'Ordine dei Giornalisti

Tags:
canone rai
in evidenza
Berardi ciliegina dello scudetto Leao deve 20 mln allo Sporting

Le mosse del Milan campione

Berardi ciliegina dello scudetto
Leao deve 20 mln allo Sporting

i più visti
in vetrina
Simest, la qualità a supporto della competitività delle esportazioni italiane

Simest, la qualità a supporto della competitività delle esportazioni italiane


casa, immobiliare
motori
Al via le consegne di Alfa Romeo Tonale

Al via le consegne di Alfa Romeo Tonale


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.