A- A+
Medicina
Banca Ifis sostiene la Fondazione Ricerca Biomedica Avanzata
Il team del Prof. Piazza

Banca Ifis a supporto della Fondazione Ricerca Biomedica Avanzata

Banca Ifis, istituto bancario quotato alla Borsa di Milano e con sede direzionale a Mestre, ha aderito all’iniziativa “Adotta un Ricercatore” lanciata dalla Fondazione per la Ricerca Biomedica Avanzata Onlus di Padova. Il finanziamento andrà a supporto del lavoro svolto dai ricercatori del Laboratorio di Patobiologia dei Linfomi e del Mieloma del VIMM, che studiano forme tumorali, come il mieloma multiplo e dei linfomi non Hodgkin, che ogni anno colpiscono circa 150.000 persone in Europa.

“Il contributo e l’impegno di aziende e di privati illuminati è davvero importante per portare avanti l’attività di ricerca che svolgiamo al VIM - ha dichiarato Francesco Pagano, Presidente della Fondazione Ricerca Biomedica Avanzata. L'adesione di Banca Ifis alla nostra campagna ‘Adotta un Ricercatore’ ci permetterà di portare avanti ulteriormente la nostra ricerca sui mielomi e sui linfomi, patologie sempre più diffuse”.

“Siamo felici di dare il nostro contributo a questo importante progetto perché sostenendo la ricerca scientifica investiamo sul futuro, migliorando la salute e la qualità della vita delle persone - spiega Luciano Colombini, amministratore delegato Banca Ifis –. Anche in questo modo, Banca Ifis rinnova il proprio impegno verso le comunità, estendendo la platea dei progetti e degli interlocutori che operano nei territori con particolare attenzione alle iniziative a valenza sociale e civile e ai progetti con forte impatto sulla salute pubblica”.

Il gruppo di studiosi - guidato dal professor Francesco Piazza - è impegnato a investigare il ruolo di uno specifico gruppo di enzimi cellulari, chiamate nel supportare nei linfomi i segnali di crescita trasmessi dal recettore dell’antigene e, nel mieloma, le vie del segnale che permettono di resistere a vari tipi di stress come quello derivante dall’accumulo nelle cellule di proteine deteriorate.  La ricerca, che ha finora permesso di documentare che, inattivando queste proteine, si ottiene un potente effetto antitumorale, ha ispirato studi clinici in corso negli Stati Uniti su pazienti colpiti da mieloma multiplo, in cui si sta testando l’efficacia di farmaci diretti contro tali nel migliorare i risultati terapeuticIl gruppo del VIMM svolge, inoltre, attività clinica e assistenziale per pazienti affetti da linfomi e mieloma presso il reparto di Ematologia dell’Azienda Ospedaliera Universitaria di Padova, offrendo protocolli clinici sperimentali per tali patologie a livello nazionale e internazionale.

Banca Ifis è il primo istituto finanziario a scegliere di sostenere la Fondazione nell’iniziativa “Adotta un ricercatore”, confermando il proprio ruolo attivo di sviluppo e promozione delle comunità dove opera grazie a diverse iniziative che vanno dalla partecipazione a progetti nazionali al sostegno a organizzazioni ed enti non profit nazionali e locali fino alla promozione di iniziative di solidarietà sociale.

Loading...
Commenti
    Tags:
    banca ifis
    Loading...
    i più visti

    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Renault Captur, anche l’ibrido diventa accessibile a tutti

    Renault Captur, anche l’ibrido diventa accessibile a tutti


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.