A- A+
Medicina
Coronavirus, la corsa al vaccino una partita tra americani e cinesi

La corsa al vaccino contro il Coronavirus sta facendo emergere due protagonisti che sono favoriti per il podio virtuale da numeri uno. Il primo studio è di scuola americana, il secondo di scuola cinese.

Soltanto quattro giorni fa la Compagnia americana Moderna aveva comunicato i risultati dei primi test sull’uomo. 45 volontari sani lo hanno provato con risultati ’sicuri e ben tollerati’. Il vaccino ha prodotto in non meno di otto partecipanti un livello di anticorpi nel sangue in grado di neutralizzare l’infezione in persone che avevano già superato la malattia. 

Oggi ( ieri per l’Italia) la prestigiosa rivista Lancet  ha pubblicato un articolo degli studi dell’Istituto di Biotecnologia di Pechino e della Compagnia cinese Cansino Biologics sui risultati del primo vaccino cinese. Dopo 28 giorni di prova su 108 volontari sani i risultati sembrano essere molto promettenti. Oltre alla sicurezza il vaccino è sembrato capace di generare anticorpi e linfociti T tra i volontari.

Coronavirus. Il vaccino una partita tra cinesi e americani

La leader del progetto cinese, Wei-Chen, ha detto che’ c’è ancora molta strada da fare perchè il vaccino possa essere disponibile in tutto il mondo’.

Dal mese scorso il vaccino cinese passerà alla fase 2 con una prova su 500 persone per affinare quantità adeguate a proteggere contro il Covid-19.

Moderna invece ha promesso invece di cominciare la fase 3, con un impiego  su 600 volontari già in estate.

Chi arriverà prima? Secondo il virologo Florian Krammer del prestigioso Ospedale del Monte Sinai a New York il vaccino cinese potrebbe completare l’ultima fase in autunno con un gruppo di partecipanti oltre i 60 anni ,un target particolarmente esposto al virus.

La realtà è che già pochi mesi dopo l’inizio della pandemia due vaccini sono in fase 2. Nulla di simile era successo nel 2002 per la SARS.  Quasi 100 sono allo studio con gli investimenti di Big Pharma e del Governo degli Stati Uniti.

In particolare Donald Trump ha stanziato 1000 milioni di dollari per un progetto comune che porterà ad una selezione tra i potenziali vaccini e quindi a due vaccini su cui si concentreranno gli investimenti. 

Il vero problema non è se il vaccino sarà trovato ma quando sarà disponibile agli 8 miliardi di umani del pianeta. E nemmeno si sa quante dosi saranno necessarie, se servirà una dose per tutta la vita o sarà necessario ripetere il vaccino ogni anno come per l’influenza.Lo potrà garantire una sola multinazionale o sarà necessario unire le forze?

Tutte domande ancora senza risposta ma vale la pena di non illudersi troppo. Nella grande America da due mesi è quasi impossibile trovare disinfettanti, mascherine o guanti. Come si puo’ immaginare che il vaccino contro il Coronavirus sarà alla portata di tutto il mondo, in breve tempo e a prezzi contenuti?

Un’utopia per un modello di sviluppo economico mondiale che prevede tre parole in particolare :profitto, speculazione ed egoismo e ne dimentica altre due come solidarietà ed eguaglianza.  

Loading...
Commenti
    Tags:
    coronaviruscinaamericavaccino
    Loading...
    in evidenza
    Clicca qui e manda il tuo meme a mandalatuafoto@affaritaliani.it
    In spiaggia soli? E' pericoloso Più sicuri supermercato e banca

    Coronavirus vissuto con ironia

    In spiaggia soli? E' pericoloso
    Più sicuri supermercato e banca

    i più visti
    in vetrina
    Virus, il Governo italiano bravo a chiudere, gli americani bravi a riaprire

    Virus, il Governo italiano bravo a chiudere, gli americani bravi a riaprire


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Intervista a Fabio Wibmer, Brand Ambassador di Mercedes-Benz Vans

    Intervista a Fabio Wibmer, Brand Ambassador di Mercedes-Benz Vans


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.