A- A+
Medicina
Dieta a lungo termine: per perdere chili mangi come voleva la mamma

Dieta a lungo termine: perdere chili mangiando come voleva la mamma

Il miglior modo per perdere peso è mangiare! Sembra quasi anacronistico considerando il successo delle diete veloci,  ma la vecchia incitazione della mamma “mangia, mangia” è la chiave per dimagrire in modo sano e duraturo.

Se la tua famiglia e i tuoi amici non accettano a tavola un “no grazie, sono a dieta”  potrebbe essere una benedizione. Il dottor Nick Fuller, esperto di obesità, spiega perché mangiare in maniera costante e completa aiuta a raggiungere una perdita di peso a lungo termine.

Dieta a lungo termine: perdere chili mangiando come voleva la mamma - LA DIETA MIGLIORE È MANGIARE

Ci sono alcune convinzioni sbagliate sulla perdita di peso che molti di noi hanno adottato come fatto, nonostante il dispiacere di molte madri mediterranee:  tutti i carboidrati e tutti i grassi sono cattivi, le diete fanno bene, mangiare meno ci aiuta a perdere peso e rimanere magri.

Il Dr Nick Fuller, esperto di obesità dell'Università di Sydney, dice alla SBS che sebbene le diete alla moda possono permetterci di perdere peso velocemente, nel tempo potrebbero avere un effetto opposto e causare un aumento di peso. E sì, se la mamma consigliava di prendere a calci la dieta e mangiare della sua pasta fatti in casa carica di verdure per essere più sani, probabilmente aveva ragione.

"Siamo giunti a questa convinzione che la restrizione del cibo sia la via da seguire per perdere peso, ma questa è la peggior pratica che una persona possa adottare", afferma il dott. Fuller.

"Quello che succede è che dopo circa tre-a-sei mesi di perdita di peso risultanti da un programma alimentare restrittivo, il corpo inizierà a spegnersi come parte di un meccanismo di difesa.

"Questo perché la restrizione del cibo non fa bene - il nostro corpo è molto intelligente e il nostro metabolismo cambierà per via di quella perdita di peso (e rallenterà)."
Il dott. Fuller aggiunge che mangiando meno cibo, persone di diversa estrazione culturale e linguistica potrebbero voltare le spalle alle loro abitudini alimentari sane e tradizionali.

"Sappiamo che, ad esempio, lo stile mediterraneo del mangiare ha benefici nutrizionali", dice. "Ma quello che sta succedendo ora è che c'è un'interruzione negli ambienti familiari e nelle abitudini alimentari tradizionali, poiché ci sono tante persone che si affidano alle nuove diete lampo".

"Ad esempio, qualcuno potrebbe avere l'impressione di non poter mangiare un sacco di cibo o di non poter mangiare un certo gruppo alimentare (come grassi, pasta, pane o altri carboidrati salutari) perché ritiene che possa essere dannoso per la propria vita. Il risultato è che le persone si stanno allontanando dalle loro tradizioni e dalla loro cultura per seguire qualcosa a cui sono stati indotti da lavaggio del cervello a credere che sia salutare".

La verità, dice, è che mangiare meno può essere molto malsano.

COME PERDERE PESO IN MODO CORRETTO: MANGIARE CIBI PIÙ NUTRIENTI. LO STUDIO

"Dalla nostra ricerca al Royal Prince Alfred Hospital di Sydney sui pazienti clinici con obesità, abbiamo scoperto che il 95% di loro non soddisfa nemmeno i requisiti di base della corretta nutrizione. Non soddisfano la raccomandazione standard di cinque porzioni di verdura e due porzioni di frutta al giorno. Non hanno abbastanza calcio o ferro. "

La chiave per una perdita di peso sana e sostenibile, spiega il dott. Fuller, è quella di mangiare cibi più nutrienti, compresi quelli che sono ricchi di proteine e fibre. Si consiglia inoltre di cucinare più pasti a casa utilizzando verdure di stagione e ingredienti integrali.

DIMAGRIRE IN MODO SANO, CONSIGLI: MANGIARE DI PIÙ, MA CIBI SANI

Secondo il consiglio dietetico contenuto nel nuovo libro del Dr Nick Fuller, Interval Weight Loss for Life, il modo migliore per perdere peso è quello di riprogrammare lentamente il proprio corpo affinché diventi più snello, un mese alla volta.

"Abbiamo bisogno di spostare la nostra attenzione dal mangiare di meno al pensare di mangiare di più, ma cibi sani e nutrienti come parte di un piano di perdita di peso a lungo termine".

Il dottor Fuller dice che un modo per riprogrammare il corpo per godere di più cibo e perdere peso è quello di garantire che la colazione sia il pasto più ricco della giornata. I pranzi di famiglia più sostanziosi sono preferiti alle cene ricche. Aggiunge che bisognerebbe sempre mirare a mangiare le porzioni raccomandate di proteine come pesce, pane integrale e cereali, grassi sani e noci e semi ad ogni pasto, inclusa la cena.
 

Commenti
    Tags:
    dieta a lungo terminela dieta migliore per dimagrireperdita di peso a lungo terminecome perdere peso in modo correttodietaperdere pesodimagrire in modo sano
    in evidenza
    Arriva l'aria polare dalla Svezia Fine maggio brividi. Previsioni

    Meteo

    Arriva l'aria polare dalla Svezia
    Fine maggio brividi. Previsioni

    i più visti
    in vetrina
    Scatti d'Affari SEA, Air Canada lancia il collegamento non-stop tra Milano Malpensa e Montreal

    Scatti d'Affari
    SEA, Air Canada lancia il collegamento non-stop tra Milano Malpensa e Montreal


    casa, immobiliare
    motori
    DS Automobiles svela le sue Edizioni Limitate

    DS Automobiles svela le sue Edizioni Limitate


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.