A- A+
Medicina
Impara una lingua e sei protetto dall'Alzheimer. Scoperta sul morbo e demenze

Alzheimer: chi parla due lingue è protetto. Alzheimer i bilingue la scoperta sul morbo


Se parli due lingue sei protetto dal morbo di Alzheimer e diverse forme di demenza. Proprio così. Le persone che parlano abitualmente due lingue sono più protette dalla demenza senile causata dal morbo di Alzheimer: la malattia infatti, nei bilingui, si manifesta più tardi (anche 5 anni dopo, rispetto ai monolingui) e con sintomi meno intensi.


Alzheimer: chi parla due lingue è più protetto. Bilingue combattono Alzheimer. La ricerca


Saltano con disinvoltura da una lingua all'altra come se fosse la cosa più naturale del mondo. Per nulla spiazzati da due vocabolari, due architetture grammaticali, due sistemi sintattici diversi. Sono i bilingui: un cervello, due idiomi. Se da sempre suscitano ammirazione per la marcia in più che gli viene garantita dalla loro capacità, un nuovo studio scientifico offre adesso una ragione in più per provare un pizzico di invidia. Parlare due lingue protegge anche dall'ALZHEIMER, che si manifesta in queste persone in età più avanzata e con sintomi meno intensi.


Alzheimer: chi parla due lingue è più protetto. Bilingue combattono Alzheimer la scoperta


Un team di ricercatori del San Raffaele di Milano ha scoperto perché mettendo sotto la lente i bilingui nostrani: gli altoatesini. Secondo i risultati dello studio pubblicato su 'Proceedings of the National Academy of Sciences' (Pnas) parlare due lingue lungo l'arco della vita modifica la funzione cerebrale, per quanto riguarda sia l'attività metabolica frontale sia la connettività tra specifiche aree del cervello, tanto da compensare i danni prodotti dalla malattia. Coordinato da Daniela Perani, direttrice dell'Unità di neuroimaging molecolare e strutturale in vivo nell'uomo dell'Irccs San Raffaele e docente dell'università Vita-Salute, il lavoro offre un contributo alla ricerca dei fattori in grado di ritardare o contrastare la malattia che ruba i ricordi, ancora priva di cure farmacologiche efficaci.


Alzheimer: chi parla due lingue è più protetto. Bilingue combattono Alzheimer, gli studi


Secondo recenti studi epidemiologici, essere bilingue può ritardare l'esordio di alcuni tipi di demenza senile fino a 5 anni. Ma i meccanismi neurobiologici che sottendono questo effetto protettivo sono ancora largamente sconosciuti. La ricerca guidata da Perani è la prima a studiare un gruppo ampio di pazienti affetti da demenza di ALZHEIMER - 85 persone, di cui metà italiani monolingue e metà bilingui, originari dell'Alto Adige - attraverso una tecnica di imaging chiamata Fdg-Pet (un tipo di tomografia a emissione di positroni che permette di misurare il metabolismo cerebrale e la connettività funzionale tra diverse strutture del cervello). In linea con le precedenti evidenze, i pazienti bilingui affetti da demenza di ALZHEIMER sono risultati in media più vecchi di 5 anni rispetto ai monolingue e hanno ottenuto punteggi più alti in alcuni test cognitivi volti a valutare la memoria verbale e visuo-spaziale (la capacità di riconoscere luoghi e volti). Ma l'uso della Fdg-Pet ha svelato anche che questi pazienti, a fronte della migliore performance cognitiva, hanno un metabolismo più gravemente ridotto nelle aree cerebrali tipicamente colpite dalla malattia, indice di neurodegenerazione, rispetto ai pazienti monolingue.


Alzheimer: chi parla due lingue è più protetto. Bilingue combattono Alzheimer, parlano i ricercatori


E' la prova, spiegano gli autori dello studio, che il bilinguismo costituisce una cosiddetta 'riserva cognitiva' che funziona da difesa contro l'avanzare della demenza. "È proprio perché una persona bilingue è capace di compensare meglio gli effetti neurodegenerativi dell'ALZHEIMER che il decadimento cognitivo e la demenza insorgeranno dopo, nonostante il progredire della malattia", sottolinea Perani. Ma quali sono i meccanismi di compensazione? I ricercatori mostrano che il cervello dei pazienti bilingue, rispetto a quello dei monolingue, presenta una maggiore attività metabolica nelle strutture frontali - implicate in compiti cognitivi complessi - e una maggiore connettività cerebrale in due network che sottendono le funzioni di controllo cognitivo ed esecutivo. Sarebbero anche questi meccanismi a garantire ai pazienti bilingue performance cognitive migliori a fronte della perdita di strutture e funzioni cerebrali importanti. Con un questionario ad hoc sull'uso delle due lingue, lo studio dimostra inoltre che gli effetti positivi del bilinguismo dipendono anche dal livello di esposizione e di utilizzo delle due lingue. "Si osserva - conclude Perani - che più le due lingue sono utilizzate, maggiori sono gli effetti a livello cerebrale e migliore è la performance. Il punto non è quindi conoscere due lingue, ma usarle in maniera attiva e durante tutto l'arco della vita. Questo dovrebbe suggerire alle politiche sociali degli interventi atti a promuovere e mantenere l'uso delle lingue e altrettanto dei dialetti nella popolazione".

Iscriviti alla newsletter
Tags:
alzheimerbilinguebilingue alzheimeralzheimer bilinguealzheimer rimedialzheimer terapiaalzheimer cure
in evidenza
E-Distribuzione celebra Dante Il Paradiso sulle cabine elettriche

Corporate - Il giornale delle imprese

E-Distribuzione celebra Dante
Il Paradiso sulle cabine elettriche

i più visti
in vetrina
Dati audiweb, Affaritaliani cresce ancora: ad agosto exploit del 40%

Dati audiweb, Affaritaliani cresce ancora: ad agosto exploit del 40%


casa, immobiliare
motori
Heritage di Stellantis protagonista ad “Auto e Moto d’Epoca 2021”

Heritage di Stellantis protagonista ad “Auto e Moto d’Epoca 2021”


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.