A- A+
Medicina
Infezioni ospedaliere causano 49mila morti l'anno: ecco dove si rischia di più

Infezioni ospedaliere: le sepsi causano 49mila morti l'anno. A rischio soprattutto gli anziani - Salute e benessere

I decessi per infezioni ospedaliere sono in netta crescita e la causa non è da ricercare solamente nella maggiore resistenza di alcuni batteri agli antibiotici. Inoltre, c'è una netta differenza in termini di morti a seconda della sede delle strutture ospedaliere, anche se la discrepanza potrebbe non dipendere dalla qualità delle cure.

Infezioni ospedaliere: i morti per infezioni contratte in ospedale in aumento dal 2003 al 2016 - Salute e benessere

L'allarme sulle infezioni ospedaliere è stato lanciato nel Rapporto Osservasalute 2018 presentato ieri dall'Osservatorio sulla Salute a Roma. Nell'analisi si afferma che il numero di morti per infezioni contratte in ospedale è aumentato dai 18.668 casi del 2003 ai 49.301 del 2016. Non solo, l'Italia rappresenta il 30% di tutte le morte di sepsi nei 28 Paesi dell'Unione Europea.

Infezioni ospedaliere: "C'è una strage in corso e molti pensano non ci sia soluzione" - Salute e benessere

"C'è una strage in corso, migliaia di persone muoiono ogni giorno per infezioni ospedaliere, ma il fenomeno viene sottovalutato, si è diffusa l'idea che si tratti di un fatto ineluttabile", ha detto Walter Ricciardi, Direttore dell'Osservatorio nazionale sulla salute.

Infezioni ospedaliere: i morti aumentano in tutte le fasce d'età ma gli anziani sono più a rischio - Salute e benessere

Nel periodo che va dal 2003 al 2016 il tasso di mortalità per infezioni ospedaliere è raddoppiato sia per quanto riguarda gli uomini sia per le donne. Il fenomeno riguarda tutte le fasce d'età ma in particolar modo i soggetti over 75.

Infezioni ospedaliere: al Nord più morti che al Sud ma potrebbe non dipendere dalla qualità delle cure - Salute e benessere

Il rapporto Osservasalute mette in evidenza che i tassi di mortalità per infezioni ospedaliere presentano un'alta variabilità geografica. In generale si registrano più decessi al Centro-Nord rispetto che al Meridione. Nel 2016 al primo posto per numero di morti si è piazzata l'Emilia Romagna, seguita dal Friuli Venezia Giulia. Le posizioni più basse della classifica sono invece occupate da Campania e Sicilia. Questo vale sia per le donne che per gli uomini. L'Osservatorio per la Salute comunque sottolinea che questa dicrepanza può essere dovuta ad una maggiore attenzione da parte delle strutture ospedaliere del Nord nel riportare la causa di morte nel certificato.

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    infezione ospedalierainfezioni ospedaliereinfezioni ospedaliere in italiainfezione ospedaliera endogenainfezione ospedaliera sintomiinfezione ospedaliera risarcimento danniinfezione ospedaleinfezione in ospedaleinfezione contratta in ospedale risarcimentoinfezioni in ortopediainfezioni in sala operatoriasalute e benessereerrore sanitariomalasanità
    in evidenza
    Hunziker-Trussardi: è finita “Dopo 10 anni ci separiamo”

    Spettacoli

    Hunziker-Trussardi: è finita
    “Dopo 10 anni ci separiamo”

    i più visti
    in vetrina
    Belen e Stefano insieme dopo la rottura con Antonino: è ufficiale

    Belen e Stefano insieme dopo la rottura con Antonino: è ufficiale


    casa, immobiliare
    motori
    Peugeot 208, novità importanti per rimanere leader del mercato

    Peugeot 208, novità importanti per rimanere leader del mercato


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.