A- A+
Medicina
Italiani e sport: oltre 38 milioni non praticano attività sportive

Italiani e sport: oltre 38 milioni non praticano attività sportive

Nella società odierna, lo sport assume un ruolo cruciale sia come catalizzatore di benessere individuale sia come volano di sviluppo economico e sociale. Tuttavia, in Italia, l'impegno finanziario per lo sport da parte del settore pubblico si attesta al di sotto della media europea, sollevando questioni su come questa allocamento influisce sulla cultura sportiva nazionale e sul benessere dei cittadini.

Sfida Economica e Sociale

L'Italia si posiziona al sedicesimo posto nella classifica dell'Unione Europea per quanto riguarda la spesa pubblica pro capite destinata allo sport, con una somma di 73,6 euro contro una media europea di 119,5 euro. Nonostante questa cifra possa sembrare modesta, il settore dello sport nel Bel Paese rappresenta un valore di 24,5 miliardi di euro, circa l'1,4% del PIL, sostenendo circa 420.000 lavoratori. Questo dimostra la notevole influenza dello sport sull'economia italiana e il suo potenziale ancora inespresso.

Stili di Vita e Sfide Sanitarie

Ciò che preoccupa è il numero considerevole di italiani, circa 38 milioni, che non praticano alcuna forma di attività fisica. Questo dato assume particolare rilevanza alla luce delle stime che collegano l'80% della mortalità e dei costi sanitari nelle società occidentali a malattie correlate a uno stile di vita non salutare, come l'alimentazione scorretta e la sedentarietà. Allo stesso tempo, si segnala la crescita di un fenomeno opposto, la vigoressia, che colpisce principalmente i giovani e spinge verso un'esercitazione fisica ossessiva accompagnata da diete iperproteiche, sconvolgendo l'equilibrio vitale.

Promuovere il Benessere Attraverso lo Sport

Chiara Fazzini, affermata Personal Trainer e ideatrice del metodo CFTRAININGS, enfatizza la necessità di avvicinarsi allo sport con un atteggiamento equilibrato e sano. Secondo Fazzini, l'attività fisica dovrebbe essere percepita come un piacere, anziché una fatica, e i programmi di allenamento dovrebbero essere personalizzati in base agli obiettivi individuali. La Personal Trainer sottolinea inoltre l'importanza di un approccio multidisciplinare al benessere, che combini l'esercizio fisico con un supporto nutrizionale e psicologico adeguato.

Verso una Cultura Sportiva Integrata

L'ultimo pensiero di Fazzini si concentra sulla promozione dello sport come strumento di salute pubblica e benessere individuale, ponendo l'accento sulla necessità di maggiori investimenti nella cultura sportiva, a partire dall'ambito scolastico. È essenziale, secondo la Chinesiologa, implementare programmi educativi che enfatizzino i benefici dello sport praticato con consapevolezza, al fine di costruire una società più sana e inclusiva.

In conclusione, mentre l'Italia mostra potenzialità economiche significative legate al mondo dello sport, emergono evidenti sfide legate alla promozione di uno stile di vita attivo e salutare. È quindi imperativo un riassetto sia nelle politiche pubbliche che nelle abitudini personali, per alimentare una cultura dello sport più radicata e consapevole nella penisola.





in evidenza
Fini-Tulliani, il matrimonio è finito: tutta colpa della casa di Montecarlo. Rumor

L'accusa di tradimento è stata la mazzata finale

Fini-Tulliani, il matrimonio è finito: tutta colpa della casa di Montecarlo. Rumor


in vetrina
Il miele italiano sta scomparendo: il clima pazzo manda in crisi le api

Il miele italiano sta scomparendo: il clima pazzo manda in crisi le api


motori
La nuova CUPRA Formentor: l’evoluzione del successo nel segmento SUV coupé

La nuova CUPRA Formentor: l’evoluzione del successo nel segmento SUV coupé

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.