A- A+
Medicina
Omeopatia e diritto alla salute: negare il diritto di obiezione del medico

La recente e triste vicenda della morte di un bambino vanamente curato con rimedi omeopatici per una banalissima otite e purtroppo deceduto riapre un problema che da troppo tempo attende risposte concrete ormai non più rinviabili.
Invero il problema compendia due questioni alquanto complesse.

La prima riguarda i produttori dei preparati non convenzionali ed è connessa all’etichettatura delle confezioni di tali sostanze, quanto alle quali – in caso di mancata sperimentazione avvenuta secondo linee guida scientifiche accreditate a livello internazionale e non documentata su primarie riviste di settore previo processo di referaggio anonimo e indipendente – occorrerebbe una legge che imponesse l’apposizione di una dicitura facente riferimento all’indisponibilità di evidenze terapeutiche ponderate.

La seconda concerne invece la necessità di negare espressamente ex lege il diritto del medico all’esercizio dell’obiezione di coscienza pro omeopatia. Se, infatti, quanto al rifiuto di praticare l’aborto l’esercizio dell’obiezione di coscienza è funzionale alla salvaguardia di una vita in fieri, pari finalità a contrario avrà il suo divieto in ordine alla pratica di cure non validate dagli esperti.

Agire in tal senso, prima che altre vite siano sacrificate al nume dell’insensatezza, significa dare ulteriore attuazione al disposto dell’art. 32 della Carta Costituzionale, che sancisce – come noto – il diritto alla salute di ognuno (da declinarsi quale diritto di informativa e diritto di scelta sulle cure da ricevere, e sui relativi effetti ragionevolmente prevedibili, durante lo stato di malattia).
Speriamo che i riflettori non si spengano tra qualche giorno per essere riaccesi al prossimo decesso.

Mario Tocci
avvocato e docente universitario

 

Tags:
omeopatiaomeopatia diritto alla salutecure omeopatiche
in evidenza
Consumi, come tagliare la bolletta rispettando l’ambiente

verso un mondo più sostenibile

Consumi, come tagliare la bolletta rispettando l’ambiente

i più visti
in vetrina
Temptation Island 2021, ecco le coppie e i tentatori in gara

Temptation Island 2021, ecco le coppie e i tentatori in gara


casa, immobiliare
motori
Nuovo Duster, la rivoluzione del suv firmata Dacia

Nuovo Duster, la rivoluzione del suv firmata Dacia


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.