A- A+
Medicina
"Il vaccino per il Covid-19 sia reso obbligatorio per le categorie a rischio"

“Il vaccino dovrebbe essere obbligatorio per le categorie a rischio. Non vaccinarsi è una follia da negazionisti della prima ora", così si è espresso Roberto Tobia, segretario nazionale di Federfarma, nel corso del programma "L'imprenditore e gli altri" condotto da Stefano Bandecchi, fondatore dell'Università Niccolò Cusano, su Cusano Italia Tv (canale 264 dtt).

“Personalmente farò il vaccino – ha detto Tobia - Credo che dovrebbe essere obbligatorio per le categorie a rischio, che lavorano negli ospedali e a contatto con i malati. Credo che ci sia poco da discutere, soltanto un negazionista della prima ora può pensare di non sfruttare la possibilità di vaccinarsi contro il Covid, mi sembra veramente una follia. La persona che non si vaccina rappresenterà un fattore di rischio per se stesso e per la collettività. Con questa enorme diffusione del virus su tutto il territorio nazionale, si va raggiungendo piano piano una sorta di immunità di gregge, ma serve ancora molto tempo quindi bisogna vaccinarsi, è un grande gesto di civiltà. Il vaccino anti-covid è un vaccino biomolecolare e potrebbe servire per la cura di tantissime altre malattie, quindi potrebbe rappresentare una svolta non solo nella lotta al covid, questa è una speranza che abbiamo”.

Tobia ha affrontato anche il problema della carenza di bombole di ossigeno negli ospedali: “E’ un problema serio, soprattutto in questo momento. Non è un problema solo della regione Sicilia. Le farmacie tracciano la vendita del farmaco ossigeno ai pazienti che ne hanno bisogno, ma molto spessi questi, un po’ per una questione culturale un po’ per paura di poterne avere bisogno in futuro, se la tengono in casa. Tutto questo chiaramente va a togliere una possibilità in più di avere l’ossigeno gassoso in farmacia che oggi salva una vita umana. Quindi abbiamo lanciato un appello a tutte le farmacie sul territorio nazionale affinchè sollecitino i propri pazienti a riportare in farmacia una bombola che salva una vita umana”.

Sui tamponi in farmacia ha aggiunto: “Solo poche farmacie possono avere diversi ingressi e locali separati che poi possono essere sanificati. Non possiamo certamente pensare di fare un’operazione di questo genere all’interno della farmacia mettendo a repentaglio i nostri pazienti e il personale. Allora abbiamo proposto di fare questa attività fuori dalla farmacia, in gazebo o camper, questo sta già avvenendo in Trentino Alto Adige e nel Lazio”.

Infine, ha suggerito di cambiare rotta rispetto alla gestione della Sanità da parte delle regioni: “Proprio nel momento dell’emergenza si sono dimostrati tutti i limiti del titolo V della Costituzione che a mio avviso andrebbe rivisto, perché sui temi fondamentali come la Sanità ci dovrebbero essere valenze uguali per tutti i cittadini. Questa esperienza dovrebbe convincere il legislatore a cambiare”.

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    vaccino per il covid-19 obbligatorio federfarma
    in evidenza
    Fine dell'Ue, terremoti, siccità... Nostradamus, le profezie 2022

    Che cosa accadrà il prossimo anno

    Fine dell'Ue, terremoti, siccità...
    Nostradamus, le profezie 2022

    i più visti
    in vetrina
    Meteo, inverno sconvolto dalla Niña. Neve in pianura già a dicembre

    Meteo, inverno sconvolto dalla Niña. Neve in pianura già a dicembre


    casa, immobiliare
    motori
    Land Rover Discovery Metropolitan Edition, design e tecnologia

    Land Rover Discovery Metropolitan Edition, design e tecnologia


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.