A- A+
Medicina
Scoperta nuova malattia trasmessa dalle zecche. Causa febbre a 40°

Neo-ehrlichiosi: si chiama così la nuova malattia trasmessa dalle zecche, come indicato da Guido Bloemberg dell'Istituto di microbiologia medica (IMM) di Zurigo, che ha confermato una notizia pubblicata recentemente dal quotidiano "Le Matin". Sei persone in Svizzera ne sono state colpite. Responsabile di questa patologia è  un batterio denominato "Candidatus Neoehrlichia mikurensis". Il microorganismo era già stato isolato per la prima volta nel 1999 in zecche e roditori in Europa e Asia. Causa febbre fino a 40 gradi, perdita di peso e malessere.

Erano finora due le malattie trasmesse dalle zecche: la borreliosi (malattia di Lyme), provocata da un batterio, e la meningoencefalite verno-estiva (MEVE), chiamata anche encefalite da zecca.

In un recente articolo pubblicato dalla rivista "Clinical Infectious Deseases", Bloemberg traccia un quadro degli effetti della malattia su undici pazienti in Europa. Se da un lato la patologia sembra essere meno pericolosa rispetto alle altre trasmesse dalle zecche - si cura molto bene con antibiotici - dall'altro resta molto difficile da diagnosticare: si può fare solo con un test del DNA.

Tags:
zecchemalattia
in evidenza
Consumi, come tagliare la bolletta rispettando l’ambiente

verso un mondo più sostenibile

Consumi, come tagliare la bolletta rispettando l’ambiente

i più visti
in vetrina
Marica Pellegrinelli in bikini: il web si scalda. E con Borriello...

Marica Pellegrinelli in bikini: il web si scalda. E con Borriello...


casa, immobiliare
motori
Quattro giorni di festa per le 111 candeline di Alfa Romeo

Quattro giorni di festa per le 111 candeline di Alfa Romeo


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.