BANNER

Faceva multe in zone isolate, di preferenza a camionisti stranieri, a donne e anziani, più facili da intimidire. E poi, il capo dei vigili di Parona nel pavese, si teneva i soldi. Per questo ieri intorno a mezzogiorno è stato arrestato in flagranza di reato dai carabinieri di Vigevano con l'accusa di concussione.

Aveva appena fatto una multa a un camionista olandese che non aveva le cinture di sicurezza, si era fatto dare ottanta euro in contanti e aveva fatto un falso verbale di accertamento. Nell'auto che usava in privato, parcheggiata vicino al Comando, i carabinieri hanno trovato un centinaio di verbali di accertamento che non sono stati versati all'ufficio della polizia locale e diversi verbali di accertamento falsificati in bianco, come quello usato per raggirare l'olandese.

Ci sono testimoni però che hanno detto di aver dato dei soldi al comandante proprio perché non facesse il verbale. Lui si è giustificato spiegando che doveva pagare i debiti contratti per pagare la cucina alla figlia che si è sposata da poco. A incastrarlo è stata la dash-cam, cioè la videocamera montata per motivi di sicurezza all'interno della sua macchina di servizio (che nell'ultimo caso, però, aveva avuto l'accortezza di spegnere prima di fare la multa al camionista olandese). I filmati verranno esaminati dai magistrati della Procura di Pavia e intanto i carabinieri stanno cercando di identificare tutte le vittime del capo dei vigili per capire da quanto aveva messo in piedi il giro di multe.

2013-11-22T13:55:01.77+01:002013-11-22T13:55:00+01:00truetrue926116falsefalse87Milano/milano4130861915462013-11-22T13:55:01.863+01:009212013-11-22T17:54:23.487+01:000/milano/capo-dei-vigili-inascava-multe-pagava-i-debiti-della-figlia221113false2013-11-22T17:54:27.873+01:00308619it-IT102013-11-22T13:55:00"] }
A- A+
Milano

 

vigile urbano

BANNER

Faceva multe in zone isolate, di preferenza a camionisti stranieri, a donne e anziani, più facili da intimidire. E poi, il capo dei vigili di Parona nel pavese, si teneva i soldi. Per questo ieri intorno a mezzogiorno è stato arrestato in flagranza di reato dai carabinieri di Vigevano con l'accusa di concussione.

Aveva appena fatto una multa a un camionista olandese che non aveva le cinture di sicurezza, si era fatto dare ottanta euro in contanti e aveva fatto un falso verbale di accertamento. Nell'auto che usava in privato, parcheggiata vicino al Comando, i carabinieri hanno trovato un centinaio di verbali di accertamento che non sono stati versati all'ufficio della polizia locale e diversi verbali di accertamento falsificati in bianco, come quello usato per raggirare l'olandese.

Ci sono testimoni però che hanno detto di aver dato dei soldi al comandante proprio perché non facesse il verbale. Lui si è giustificato spiegando che doveva pagare i debiti contratti per pagare la cucina alla figlia che si è sposata da poco. A incastrarlo è stata la dash-cam, cioè la videocamera montata per motivi di sicurezza all'interno della sua macchina di servizio (che nell'ultimo caso, però, aveva avuto l'accortezza di spegnere prima di fare la multa al camionista olandese). I filmati verranno esaminati dai magistrati della Procura di Pavia e intanto i carabinieri stanno cercando di identificare tutte le vittime del capo dei vigili per capire da quanto aveva messo in piedi il giro di multe.

Tags:
vigilidebitimulta







A2A
A2A
i blog di affari
Green pass, l'irresponsabile accettazione cadaverica del nuovo Leviatano tecnosanitario
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Covid, aspettiamo che arrivi un governo militare: del resto "siamo in guerra"
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Filming Italy Sardegna Festival, conclusa la 4ª edizione con oltre 50 titoli


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.