A- A+
Milano
Ecco la Carta dei servizi dei tassisti: "Siamo il biglietto da visita della città"

Ha avuto luogo nella mattinata di martedì 21 aprile alla Camera di Commercio di Milano la presentazione ufficiale della Carta dei Valori e dei Servizi Taxi, redatta in collaborazione con tutte le sigle di rappresentanza, tra le quali l'Unione Artigiani, e con l'adesione delle associazioni dei consumatori. Un documento che ciascun tassista milanese sarà chiamato a sottoscrivere, su base volontaria e senza alcun costo, finalizzato a rendere evidenti alla clientela tutta una serie di valori condivisi e di standard di servizio già offerti, ma poco comunicati. "Dall'accoglienza alla professionalità, dalla qualità alla sicurezza, dalla cortesia all'assistenza, fino alla trasparenza e all'ascolto - ha spiegato Marco Accornero, membro di giunta della Cciaa e segretario generale dell'Unione Artigiani - attraverso la Carta verranno presentati concretamente ai fruitori del servizio una serie di impegni volti sia a presentare una offerta in linea con le attese internazionali di Expo 2015, sia come vetrina di promozione dell'alto livello di accoglienza ed accessibilità della città di Milano nei confronti dei visitatori per il futuro." 

Tutti coloro i quali aderiranno alla Carta, potranno esporre sull'auto di servizio apposite vetrofanie attestanti la condivisione di nuove sensibilità verso i passeggeri, che dal ruolo di semplici consumatori verranno riconosiuti come persone. "Vogliamo assicurare ai visitatori di Expo e di Milano in generale - ha sottolineato Pietro Gagliardi, delegato sezione Taxi dell'Unione Artigiani - soprattutto agli stranieri, la garanzia di un impegno chiaro volto alla fornitura di un servizio rivolto a persone, più che a semplici clienti. Un approccio che già i tassisti mettono in pratica nella quotidianità, ma che ora sarà certificato da un impegno assunto pubblicamente. Inoltre, sfrutteremo questa iniziativa come occasione di vetrina promozionale della città di Milano in prospettiva futura." "Siamo consci - ha chiuso Gagliardi - di rappresentare una sorta di 'biglietto da visita' della città, una delle prime prestazioni richieste da un visitatore appena giunto da noi, interessato a un servizio di mobilità di immediata reperibilità, di buona qualità, efficiente, trasparente e possibilmente pronto a fornire anche informazioni ed indicazioni preziose su tragitti e mete consigliate. Garanzie che servizi similari, che si pongono al di fuori da ogni regola e talvolta sono sin troppo tollerati da chi dovrebbe sovraintendere al rispetto della legge, non solo non possono assicurare, ma che al contrario certamente non sono in grado di offrire, proprio per la natura illecita del servizio."

Tags:
tassistitaxicamera di commerciomarco accorneropietro gagliardi







A2A
A2A
i blog di affari
Matteo Pittaluga: l'aspetto mentale per diventare Social Media Manager
Dario Ciracì
il project financing collegato al partenariato pubblico privato (seconda parte
Il mercato dei corsi fitness e le prospettive post-pandemia
Elena Vertignano


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.