A- A+
Milano
Expo, le code sono interminabili. Sala cerca la soluzione

"C'è obiettivamente più gente di quella che ci aspettavamo, stiamo cercando di capire cosa fare. Settimana prossima abbiamo uno steering committee, una riunione con i rappresentanti degli altri paesi per capire cosa fare. Si possono fare alcune cose ma vanno decise con i paesi. Vogliamo rendere più piacevole la visita ma stiamo parlando di un'organizzazione che si può sì modificare, ma bisogna lavorarci un po'. Ancora alcuni giorni di sofferenza poi la settimana prossima bisogna trovare una soluzione".

Lo ha affermato il commissario unico di Expo Giuseppe Sala interpellato in merito alle code fuori dai padiglioni a margine di un incontro presso il future food district. "Dobbiamo mettere a punto bene le cose, abbiamo qua anche il segretario generale del Bie e dobbiamo incontrare i paesi- ha aggiunto - è difficile intervenire sul singolo paese, deve essere una filosofia sposata da tutti. Ancora veramente pochi giorni e poi lavoreremo anche sugli ingressi".

Tags:
expo







A2A
A2A
i blog di affari
E' nata la figura del “Servo di Stato”. Con Draghi il popolo diventa cagnolino
di Maurizio De Caro
"Tutti in presenza". Nessun obbligo vaccinale per la scuola
Passa la linea Draghi: via libera all'agenzia cyber


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.