A- A+
Milano

 

Mario Mantovani

di Fabio Massa

Nessun cambiamento ai vertici del Pdl. Secondo quanto risulta ad Affaritaliani.it il vicepresidente della Regione Lombardia Mario Mantovani rimarrà al suo posto alla guida degli uomini di Berlusconi in Lombardia. Negli ultimi giorni, era stato fatto con insistenza il nome di Paolo Romani, già coordinatore regionale di Forza Italia, per la successione a Mantovani, che in questo momento assomma su di sè tutta una serie di cariche, che si alleggeriranno però nel giro di 10 giorni. Mantovani, infatti, darà le dimissioni dal Senato il 2 giugno, mentre decadrà come sindaco di Arconate. Rimarrà invece - ovviamente - vicepresidente della Regione Lombardia. E rimarrà coordinatore regionale.

 

paolo romani

La decisione sarebbe stata presa ad Arcore ieri sera, durante un aperitivo con il Cavaliere. Della decisione sarebbero poi stati informati anche gli altri attori in campo. L'idea alla base della decisione, che metterebbe fine così a una fase di turbolenza, sarebbe quella di replicare in Lombardia quanto sta accadendo a Roma. Nella Capitale, infatti, segretario del Partito nazionale è Angelino Alfano, che è anche il vice di Letta nel governo. Questo per controbilanciare il peso del Pd. Con lo stesso principio, per controbilanciare il peso di Roberto Maroni, segretario della Lega Nord e presidente di Regione, Silvio Berlusconi avrebbe deciso di rinnovare la fiducia a Mantovani. Che, però, dovrà fare cambiamenti nella squadra, aprendo fortemente ai consiglieri regionali, ritenuti politicamente fondamentali nella fase politica che si apre anche perché hanno una forte presa sul territorio in virtù delle preferenze che si sono conquistati sul campo. E Paolo Romani? Per l'ex ministro pare si stia per aprire una opportunità di valorizzazione in chiave milanese. Pare infatti, secondo rumors di Affaritaliani.it, che la sua competenza di ex ministro dello Sviluppo Economico potrebbe giocare un ruolo determinante per mantenere in chiave pidiellina la presidenza di Fondazione Fiera. In caso contrario, la Lega Nord potrebbe proporre un nome pesante come quello di Giuseppe Bonomi. L'unico problema? Che l'emolumento per la presidenza della fondazione è un terzo di quello che percepisce oggi in Sea...


@FabioAMassa

Tags:
mantovani pdl







A2A
A2A
i blog di affari
Green pass, l'irresponsabile accettazione cadaverica del nuovo Leviatano tecnosanitario
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Covid, aspettiamo che arrivi un governo militare: del resto "siamo in guerra"
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Filming Italy Sardegna Festival, conclusa la 4ª edizione con oltre 50 titoli


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.