A- A+
Milano
Mario Mantovani

di Fabio Massa

Mario Mantovani, coordinatore regionale del Pdl (autosospeso fino a dopo le elezioni), in un'intervista ad Affaritaliani.it tocca i temi caldi di questo finale di campagna elettorale: "L'inchiesta su Formigoni? La solita giustizia a orologeria. Ci siamo abituati, ma non sposta un voto". Per l'assessore alla Sanità la Lega propone Melazzini, ma Mantovani frena: "Ho sentito Maroni, che mi ha confermato che quell'assessorato spetta a noi". Infine annuncia un appuntamento sulla sicurezza. Con una stoccata a Pisapia: "Milano è peggiorata, quella del console americano è stata una cosa devastante per la città"

Senatore Mantovani, iniziamo dalla cronaca giudiziaria che riguarda Formigoni.
Non mi pare che ci sia nulla di nuovo all'orizzonte. Sono cose che i giornali hanno già consumato nonostante i segreti istruttori. Certo è che chiudere le indagini a 10 giorni dalle elezioni fa parte di un certo stile che ormai conosciamo. A noi è uno stile molto noto.

Berlusconi oggi parla di attacco di giustizia giacobina.
Sicuramente ad orologeria. Con la lungaggine che hanno i processi e le indagini, il fatto di chiuderle a 10 giorni dalle elezioni, peraltro in una Regione riferita al governatore in carica, è significativo. Ma i cittadini non si confonderanno.

Avrà un peso questa vicenda a livello elettorale.
Non c'è nulla di nuovo sotto il sole. Non inciderà sui cittadini.

Passiamo a un tema politico: la Lega Nord lancia come assessore alla Sanità Melazzini. Ma secondo rumors, il successore di Bresciani dovrebbe essere lei, stando a quanto pensa il Pdl...
Il Pdl in questo momento pensa a vincere. Non ci sono ancora attribuzioni di assessorati. A nessuno. Tanto è vero che ho sentito Maroni questa mattina, per la conferma sull'appuntamento sulla sicurezza che affronteremo domani insieme, e giustamente mi ha detto: "Ero in quel contesto, ma so benissimo che l'accordo prevede che l'assessorato alla sanità spetterà al Pdl".

Sulla sicurezza che cosa annuncerete domani?
Faremo un appuntamento con il responsabile nazionale del Pdl sulla sicurezza, il senatore Filippo Saltamartini, già commissario di polizia. Sarà un intervento di coalizione, con l'onorevole Santanché e l'onorevole La Russa per i Fratelli d'Italia. Ci sarà Maroni. Al di là di iniziative concrete sulle quali per ora mantengo il riserbo, diremo di non consegnare alla sinistra, che non pensa la sicurezza sia importante per i cittadini, la Regione e le città di Lombardia.

A proposito di sicurezza, il console americano aveva ragione a dire che Milano è insicura?
Intanto ci ha fatto un po' vergognare, sul piano internazionale. E' un po' come quando il ministero degli Esteri dice di non andare in questo o in quel paese africano perché ci sono tafferugli. E' un segnale di debolezza di Pisapia. Anche perché, diciamocelo chiaro, la città è peggiorata molto.

Albertini, ieri ad Affaritaliani.it ha parlato del voto disgiunto. Lei che cosa ne pensa di questa querelle?
Io trovo che il voto disgiunto sia consentito da una legge sbagliata che andrebbe cambiata. Dare il voto a un partito e votare il presidente di un'altra coalizione produce delle contraddizioni. Io cambierei la legge, che inganna il cittadino e mette in difficoltà le istituzioni.

Detto questo, Albertini a chi leva voti? Alla sinistra o alla destra?
Albertini leva i voti a se stesso. Ha fatto un gesto inutile, consapevole di non arrivare a nulla. E' frutto di un'azione di testardaggine che avrebbe potuto evitare. I suoi pochi voti gli consentiranno di creare imbarazzi sia a destra che a sinistra.

@FabioAMassa

Tags:
mantovani pdl






A2A
A2A
i blog di affari
Nuovo Direttivo alla Camera Civile Salentina
Sanzioni Covid: arrivano le cartelle pazze
Femmmicidi-infanticidi, riflesso di una Italia che non sopporta le difficoltà
di Maurizio De Caro

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.