A- A+
Milano

 

Mario Mantovani

______

di Fabio Massa

Mario Mantovani, uno degli uomini più vicini al Cavaliere, vicepresidente della giunta lombarda, coordinatore regionale, in un'intervista ad Affaritaliani.it delinea il percorso della nuova Forza Italia: "Se ci saranno due gruppi, ovviamente avremo nuovi vertici in consiglio. Il coordinamento lombardo? Convocherò il gruppo che ha aderito a FI e delineeremo un percorso per capire che cosa fare. I congressi? Spero che ci siano presto, a partire da quelli comunali". Infine, su Berlusconi, rivela: "Umanamente è profondamente amareggiato. La frattura? Se si risolvesse la decadenza si potrebbe ricomporre..." L'INTERVISTA AD AFFARITALIANI.IT

Segretario Mantovani, iniziamo dalla Lombardia. Dopo la frattura di Roma che cosa succede adesso?
Succede che noi voteremo l'adesione al nuovo gruppo di Forza Italia. Verificheremo tra poche ore, in mattinata, chi vorrà appartenere alla nuova Forza Italia. E ovviamente, nel caso ci si scindesse in due gruppi, andranno rifatti i vertici in consiglio.

L'altra questione sul piatto è quella del coordinamento regionale.
I
o ho intenzione di convocare il gruppo dei consiglieri nazionali in settimana. Chiamerò i lombardi che hanno scelto, al 75 per cento, di tornare a essere FI. Insieme stabiliremo un percorso che andremo a definire nel dettaglio per avanzare delle proposte al nuovo movimento che è nato.

Tradotto: ci saranno i congressi?
Guardi, io spero che i congressi si svolgano. E pure presto. Cominciamo con quelli comunali. E' tempo che gli eletti dicano la loro. E' tempo di nuove adesioni al movimento. E' tempo di rimettere in pista la buona politica.

Lei è uno degli uomini più vicini a Berlusconi. Umanamente in che stato si trova?
A livello umano è profondamente amareggiato. Politicamente mi pare che abbia ancora la volontà di difendere gli interessi del nostro Paese.

Il Governo quanto dura?
I
l Governo? Parliamo di decadenza. Se devessero far decadere il leader dell'opposizione per presunti reati fiscali di 30 anni fa, saremmo considerati un paese sudamericano. Mi auguro che il Pd si ravveda su questa questione, che non si usino metodi speciali per il Cavaliere.

Metodi speciali?
Sì, come il voto palese. Non è mai avvenuto nella storia della Repubblica. Perché cambiare proprio per Berlusconi? Spero che la democrazia possa reggere in questo momento così difficile. Sarebbe una violazione dei più elementari principi costituzionali. Per non parlare della legge Severino applicata retroattivamente.

Se il Pd si ravvedesse, nella destra si potrebbe ricomporre la frattura?
Sui principi generali siamo tutti d'accordo. Sulla carta dei nostri valori non ci sono differenze. Purtroppo, come ha detto Berlusconi, è subentrato uno scontro per questioni personali. Per questo penso che si potrebbe ricomporre.

@FabioAMassa

 

Tags:
mantovani pdl






A2A
A2A
i blog di affari
Nuovo Direttivo alla Camera Civile Salentina
Sanzioni Covid: arrivano le cartelle pazze
Femmmicidi-infanticidi, riflesso di una Italia che non sopporta le difficoltà
di Maurizio De Caro

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.