A- A+
Milano

"Ora serve una cura shock in grado di mettere in ordine i conti del passato e permettere ad Aler di continuare a svolgere una funzione sociale a cui non vogliamo abdicare". A dirlo e' il presidente della Regione Lombardia, Roberto Maroni, durante la relazione in Consiglio regionale sulla 'due diligence' della Bdo sull'Aler di Milano. Il governatore ha poi aggiunto: "La gravissima situazione di Aler Milano ci obbliga tutti, maggiorana e opposizione, a rimboccarci le maniche per trovare una soluzione".

Maroni, quindi, ha spiegato di voler "salvare l'Aler di Milano, investire nell'edilizia residenziale pubblica e sostenere le fasce piu' deboli". In Regione, ha concluso Maroni, e' stato "istituito un gruppo di lavoro che entro la meta' di febbraio" mettera' a punto "un piano d'intervento di 2/3 anni" per "salvare" l'Aler di Milano.

L'indebitamento finanziario netto dell'Aler di Milano, al 30 novembre 2013, era di 345 milioni di euro, mentre il fabbisogno finanziario necessario alla manutenzione del patrimonio dell'agenzia ammonta a 1,264 miliardi. A renderlo noto e' stato il presidente della Regione Lombardia, Roberto Maroni, che questa mattina in Consiglio regionale ha presentato la relazione sulla 'due diligence' condotta dalla Bdo sull'Aler di Milano e consegnata alla Regione lo scorso 23 dicembre. Il governatore, che aveva gia' relazionato in aula sull'Aler di Milano lo scorso 30 luglio, ha sottolineato che "la differenza tra i crediti e i debiti" dell'agenzia ammonta a "-345 milioni di euro".

Il debito scaduto verso i fornitori, invece, "e' di 61 milioni" e i crediti verso gli inquilini sono "243 milioni di euro", "non tutti esigibili subito". Le entrate stimate dei canoni sociali sono "di 122 milioni di euro all'anno", ma il tasso di morosita' e' del "27,5%". Il governatore ha poi aggiunto che "il fabbisogno finanziario", necessario alla manutenzione ordinaria e straordinaria del patrimonio dell'Aler Milano, "risulta di 1,264 miliardi".

Tags:
aler







A2A
A2A
i blog di affari
Oggetto sociale srl: più è ampio, meno paghi
Gianluca Massini Rosati
L’intelligence come tutela della democrazia del Paese
Daniele Salvaggio, Imprese di Talento
Solidarietà ai bielorussi contro Lukashenko, ultimo dittatore d’Europa
L'OPINIONE di Ernesto Vergani


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.