A- A+
Milano

Bagarre in commissione sicurezza a palazzo Marino dove si discute del Piano Rom, per la presenza di rappresentanti delle associazioni "Circolo culturale Domenico Leccisi", "Gioventu' di ferro" e Gioventu' della Fiamma. Il gruppo stava seguendo i lavori fra il pubblico quando Anita Sonego, di Fds, ha preso la parola chiedendo se in aula erano presenti rappresentanti di associazioni che avevano distribuito un volantino per un presidio sul piano rom in piazza san Babila. Alla risposta affermativa, la maggioranza di centrosinistra ha lasciato l'aula fra le contestazioni, con alcuni consiglieri che hanno gridato "No ai fascisti". Confusione in sala commissioni, aumentata da un saluto romano accennato da uno dei presenti, l'avvocato Gabriele Leccisi, la reazione dei consiglieri del centrosinistra e poi dei consiglieri del centrodestra, che hanno gridato ai colleghi di maggioranza: "Li avete invitati voi". A chiarire poi la situazione, il presidente della commissione Mirko Mazzali di Sel, che ha spiegato di avere invitato i presenti "dal momento che conosco personalmente l'avvocato Leccisi" dopo avere appreso dell'iniziativa "per equivoco annunciata in coincidenza di un consiglio comunale che non c'e'. Si sono presentati qui e come tanti altri cittadini li ho fatti entrare". Il gruppo di visitatori e' stato quindi invitato dal presidente a lasciare l'aula. "Questa e' discriminazione. Grazie per tutelare la liberta' dei cittadini", la replica di Leccisi. La seduta e' poi proseguita fra le accuse reciproche e con Igor Iezzi della Lega a contestare a Ruggero Gabbai del Pd di "essere venuto qui davanti a darmi del fascista e del nazista". Dall'opposizione a Mazzali in particolare l'accusa di avere provocato la situazione "invitando persone che sapeva benissimo chi fossero - ha detto Andrea Mascaretti del Pdl - senza informare i consiglieri e senza dall'altra parte garantire la presenza del cittadini fra il pubblico". Dalla maggioranza la replica sulla "inaccettabilita' di una presenza fascista in aula" e la censura sul gesto del saluto romano: "E' un gesto fuori dalla legge, e questo ha determinato una giusta reazione", ha detto Carlo Monguzzi del Pd. Conferma Sonego: "Sapevamo che si sarebbero presentati, era annunciato, e gia' ieri con Basilio Rizzo avevamo chiesto a Mazzali che non venissero fatti entrare. E' inaccettabile". Per Alan Rizzi, capogruppo del Pdl "e' discrezionalita' del presidente di commissione invitare cittadini e consentire loro di entrare, ma ha anche l'obbligo di presentarli. La responsabilita' e' interamente del presidente".

Tags:
saluto romano







A2A
A2A
i blog di affari
Filming Italy Sardegna Festival, conclusa la 4ª edizione con oltre 50 titoli
Alkemia sigla contratto triennale con l’India per materie prime
Covid, lockdown in autunno: la colpa sarà dei non benedetti dal siero
L'OPINIONE di Diego Fusaro


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.